Bologna

Ci sono porti intravisti dal mare
e città sorvolate di fretta
dove arriva il tuo viaggio distratto
Bologna invece ti abbraccia
è visione emersa dal cuore
che sale da bassa pianura
e rossa di terra e di umore
innalza il tuo sguardo
e due dita a indicarti il suo cielo
Mi ricordo ero giovane un giorno
dei giorni padrone e dei sogni
Un sogno era là a portata di mano
ed io giocavo a pensarmi una vita
scegliendola nuova e diversa
nel grembo di madre benevola e opìma
scrigno turrito di amore e buon tempo
aperto al mondo e a tutte le strade
Ma gli anni passano e i sogni invecchiano
chissà mai se una Dotta insegnante
uno sbaglio di troppo mi avrebbe evitato?
Ora che imbianco vorrei chiederlo a lei
ma la trovo nebbiosa e distante
E’ una donna violata e percossa
la bella che perse un dì l’innocenza
tra un nero di sangue e di macchine bianche
e più allegra non danza sull’aia
ormai tutta sommersa di “neve
Ma io con giovani occhi la guardo
come fanno in eterno gli amanti
e mi immagino scendere un giorno
sul sagrato di quella stazione:
ad accogliermi vedo già i musici
cantastorie sapienti e poeti
che il mio tempo hanno allietato
Loro sì che il mestiere conoscono
di scacciare quei neri fantasmi
e tra un sorso un accordo e un sorriso
torneranno a narrarmi gioiosa
di Bologna la sua favola antica.

Massimo Reggiani

The URI to TrackBack this entry is: http://cantierepoesia.wordpress.com/2012/06/02/bologna-2/trackback/

RSS feed dei commenti a questo articolo.

11 commentiLascia un commento

  1. Un Inno favoloso a Bologna. Un ricordo del tempo passato.
    Un presagio del tempo a venire. Complimenti, Massimo per
    questo capolavoro. Un abbraccio, Paolo.

  2. malinconica, come gli atti d’amore migliori

  3. Si… un vero inno a Bologna e al ricordo, piacevole vissuto e direi ora rinnovato. la poesia è meravigliosa, parole che vengono dal cuore, già sentita e molto piaciuta, un abbraccio Rosy

  4. Che bella Bologna! Quanta poesia c’è in quella città.
    Bravo Massimo
    Simone

  5. Massimo !
    Sei il massimo . Grazie per avermi fatto leggere una “melodiosa” poesia
    Cordialmente, Ciro

  6. Grazie caro amico di avermi fatto vedere ,sentire una città che amo molto.Ciao .Tinti

  7. “…Ero giovane un giorno, padrone dei giorni e dei sogni…”
    Caro Massimo, Bologna o altro c’è una nostalgia spessa come un pezzo di mortadella, intrisa di malinconia difficile da far passare, anche con un sorso, un accordo, un sorriso.
    Molto bella!

  8. Magnifica!
    Graziella

  9. Bologna é pitturata coi pennelli del cuore…Stupenda!
    ciao
    Giuseppe

  10. Il pulsare di una città riemersa nel ricordo nostalgico. Una ballata malinconica e bella. Complimenti Massimo. Piero

  11. Massimo l’hai messa…. l’aspettavo. grazie, grazie infinite, non trovo altre parole nella commozione del ritratto che hai fatto. davvero bellissima. e grazie per essere venuto da noi, a Bologna. la prossima volta speriamo sia ancora un giorno migliore
    Alessandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 242 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: