Ottobre

Nei mattini d’ottobre
quando i sogni
di me fanciullo
cominciavano a empirsi di brezza e di voci
(qualcuno aveva aperto una finestra
e se n’era andato lieve)
il treno che passava a quell’ora
non lontano, con la sua criniera di fumo
e i fischi, mi dava un dolce e muto terrore.
Io gli giacevo sotto senza pensieri
con il fragore nelle orecchie,
finchè era passato tutto
e la mamma correva verso di me
dall’orizzonte, sudata e fresca
in una vestaglia rosa.
Ero sveglio
e un’ape volava
per l’aria radiosa.
Avrei voluto chiamare e stavo zitto.

ATTILIO BERTOLUCCI

About these ads

The URI to TrackBack this entry is: http://cantierepoesia.wordpress.com/2012/07/09/ottobre-3/trackback/

RSS feed dei commenti a questo articolo.

3 commentiLascia un commento

  1. Tocchi da maestro.tinti

  2. Incredibilmente bella
    Patrizia

  3. Sempre bellissimo leggere una poesia di Attilio Bertolucci. Fantastica abbinata al fotogramma di Olmo e Alfredo, protagonisti di Novecento, il magnifico film dei figli di Attilio: un vissuto assorbito dalla generazione seguente, l’ arte (grandissima)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 242 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: