Lo squalificato

cartellino-rosso-1-450x380

Nella formula 

“pane acqua amore”

trasparisce il senso

ma incide un controsenso,

mettiamo come centro

l’io sconnesso

votato alla mania

di essere più alto

della propria statura,

bara

tagliando i piedi del vicino

per vincere il traguardo

nella maratona della vita,

ma un sole lungo il varco

schiarisce le misure

della nebbia

e l’Arbitro lo espelle

dalla gara.

.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:24  Comments (7)  

Albero

Con Te

affondo radici

nella terra

in nutrimento.

Siamo

cuore

in arpeggi

di nidi

flauti di vento

eco

di stagioni

tatuate

espansione

di luce e ombra.

Eleviamo

braccia

quiete e forti

di solitudini

colori

di poesie

su foglie

respiro odoroso

d’Amore

sul collo del cielo.

.

Graziella Cappelli

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:09  Comments (12)  

Falò

Un anno d’altri tempi. E pur lontana
torni nei sogni ancora, e pur sei viva
col sorriso e i tuoi occhi misteriosi
anche se resti sull’opposta riva.

Filo d’ombra che in sogno si dipana
e pei tumulti del mio cuor si perde
come nel vuoto un eco di campana,
alga verde nel mar del sentimento.

Palpito lieve come la risacca
che continua a agitare la mia fiamma
fino al guizzo final; già che si stacca
la sabbia dalla cenere nel vento.

Santi Cardella

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:03  Comments (5)  

E’ tardi

.
E’ tardi. E’ molto tardi. E’ bene che si vada.
Vieni, dammi la mano;
rifacciamo la strada.
La tua casa è lontano.
Perché taci e ti guardi
la punta delle dita?
Piccola tu, mia vita,
vieni, fa tardi.
Le nubi si sono raccolte
tutte su Monte Mario
chiudendo l’ali grigie.
Tu piangi e non sai perché piangi.
S’accendono i lumi;
tu vorresti dirmi qualcosa
e mi accarezzi le mani
e i tuoi occhi luccicano
tra le lacrime. –
Vieni, dammi la mano;
è bene che rincasiamo.
Non dirmi nulla: io so bene
perché tu piangi.
Andiamo, mia piccola, vieni. –
Tu piangi perché fa sera.
.
NINO OXILIA
Published in: on giugno 25, 2017 at 06:53  Comments (4)  

Dove sta amore

WHERE LIES LOVE

Dove sta amore
Where lies love
Dove sta amore
Here lies love
The ring dove love
In lyrical delight
Hear love’s hillsong
Love’s true willsong
Love’s low plainsong
To sweet painsong
In passages of night
Dove sta amore
Here lies love
The ring dove love
Dove sta amore
Here lies love

§

Dove sta amore
Dove giace amore
Dove sta amore
Qui giace amore
La tortora-amore
In lirico deliquio
Ascolta il canto dei monti dell’amore
Il vero canto della volontà dell’amore
Il sommesso canto delle pianure dell’amore
Troppo dolce canto di dolore
Nei vicoli della notte
Dove sta amore
Qui giace amore
La tortora-amore
Dove sta amore
Qui giace amore

LAWRENCE FERLINGHETTI

Published in: on giugno 24, 2017 at 07:47  Comments (3)  

Sola è la terra

Sospesa quasi immota nel pensiero

resto aggrappata alla riva di questa vita

che mi respira addosso aria settembrina

di dolce brezza mattutina.

Filtro umori arcaici, strani

di terra rivoltata, stanca ormai

di mostrare ferite nelle zolle aperte.

Geme la terra e brama come fresca sposa

il bacio dello sposo a coronamento

della sacra e desiderata unione.

Implora la terra la gemma della pace,

non ha più forza di additare le orrende fosse comuni,

vuole dimenticare le vergognose foibe,

teme il ritorno angosciante delle Ardeatine.

E’ immacolata la terra, sola a ricordare,

sola a piangere e ad aspettare;

l’hanno tradita gli uomini quasi colpita a morte

ma non ha perso la fede, né la speranza,

silenziosa e quieta aspetta che attecchisca il seme

gettato per distratta dispersione,

se avrà fortuna e attenzione

potrà dare vigore all’intera piantagione:

sarà pane d’amore e di compassione

per ogni generazione.

 

Roberta Bagnoli

Published in: on giugno 24, 2017 at 07:17  Comments (18)  

Rimani al mio fianco

Sei qui finalmente, sei proprio vera.
Il viso ti tocco, gli occhi e le mani.
Il velo sollevo dai tuoi colori
immaginati tra mille sospiri.

Adesso non devi aver fretta.
Che cielo quaggiù sta per arrivare!
Le tenebre presto divengono ombre
ed ombre i perimetri cedono al sole.

Dammi aiuto a raccogliere gioia,
tutta la gioia negli anni inseguita.
Fammi un sorriso scolpito nel cuore
e giravolte affinché mi diverta.

E se anche di te io fossi stracolmo,
non provar mai a girarmi le spalle.
Non devi aprire le maglie del tempo
e rimani al mio fianco, felicità!

Aurelio Zucchi

Published in: on giugno 24, 2017 at 06:57  Comments (4)  

Come se d’incanto

io ritrovassi i miei vent’anni
in una città sconosciuta
della quale porto le sue strade
fluide nelle vene;
e con i miei pochi anni
la possibilità di scegliere (ancora)
il male minore,
fingere di avere una qualunque ambizione
e andare.

Maria Attanasio

Published in: on giugno 24, 2017 at 06:52  Comments (4)  

A margine di un campo fiorito di Cicognola

C’è un altro alitar in quei campi e nella bella stagione,
un alitar lieve e soffuso di nobili spiriti dal volto caro e familiare?
Con lento andare passa da qui amico e tu pure forestiero e se un fremito forte senti
lo saprai di certo e capirai chi lì s’aggira qual ombra tra l’ombre festanti e liete.
Non sono forse le anime buone, le tante anime giuste e pie
che in vita a Veronica e a questo luogo resero con opere e preghiere santa e cara devozione?
Sì, sono d’una catena lunga, maglie robuste, alcuni anelli
vi è poi tra esse quella del curato santo e poi ancora di ombre note e ombre sconosciute.

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on giugno 23, 2017 at 07:48  Comments (13)  

Distanze non omologabili

Penso vicino e tutto s’allontana
e si fa sera sulle tazze sporche
lasciate nell’avello
era lavello _la mente va di suo
puntualizzando frasi impronunciate
con quelle adatte al luogo ed al bon ton_
tanto è lo stesso
la morte accoglie i corpi e le stoviglie
io resto
con una mezza verità placebo
fintanto che resiste l’ologramma

passando dal divano alla poltrona
col bagaglio d’un libro tra le mani
_prima però
recupero gli occhiali_

Cristina Bove

Published in: on giugno 23, 2017 at 07:45  Comments (5)