Dimmi se è amore


Dimmi se è amore quel sentirsi soli
quando la sera ci sorprende in resa
con una spina nel cuore per un giorno
svanito senza storia di noi.

Sentirsi soli e cercare nella mente
le ultime parole e l’ultimo sospiro
in scaglie di tempo al mondo rubato,
in bilico tra la realtà e il sogno proibito.

Dimmi se è ancora amore quel cedere
alla malinconia di un cielo che fermo
mi guarda e con occhi di stelle chiede
nel silenzio tu dove sei.

Beffardo destino che due volte mi uccide
negando la mia mente a chi è ignaro di noi
a te ruba le carezze di mani che ti cercano,
le braccia che come manto su te non avrai

Dimmi se è amore quel sentirmi in colpa
per quel non esserti accanto come vorrei
mentre lacrime ricadono sul loro nascere
e negano il mio “ti amo” al cielo che ascolta.

Claudio Pompi

Published in: on novembre 4, 2009 at 08:29  Comments (5)  
Tags: , ,

La mia poesia

Fuoco

La mia poesia  è alacre come il fuoco
trascorre tra le mie dita come un rosario
Non prego perché sono un poeta della sventura
che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore,
sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida,
sono il poeta che canta e non trova parole,
sono la paglia arida sopra cui batte il suono,
sono la ninnanànna che fa piangere i figli,
sono la vanagloria che si lascia cadere,
il manto di metallo di una lunga preghiera
del passato cordoglio che non vede la luce.

ALDA MERINI (da “La volpe e il sipario”)

Published in: on novembre 4, 2009 at 07:41  Comments (3)  
Tags: , ,

Ha riverberi

Vascello

Ha riverberi azzurri
l’ acqua chiara
losanghe diamantine
sotto il cielo
che si tinge a levante

antiche storie ha il mare
di sirene e tritoni
vascelli di corsari
e leggendari
fantasmi di velieri

sonno mai giunge all’ onda
che rinasce
dalla sua morte effimera
e riappare
nell’ elemento che la fa immortale…

così per l’ uomo
che nel suo respiro
nel suo continuo nascere e morire
è l’ onda eterna
di un eterno mare.

Cristina Bove

Published in: on novembre 4, 2009 at 07:41  Comments (8)  
Tags: , ,

Avevi detto

Luceaccesa

Avevi detto dobbiamo crescere, dobbiamo affacciarci
con un un lume acceso nella notte a quelle finestre laggiù
saranno svegli di sicuro, i poeti non dormono mai.
ma questa notte mi sorprende nell’oscurità della mia stanza
non ha petali questo silenzio non è fior di loto nè una rosa.
il mare s’è ritirato verso l’ovest, le sue navi non giungono
più al porto. Questa notte mi trova stanca amica mia, mentre
il pensiero di te mi tiene sveglia strappandomi le palpebre.

Anileda Xeka

Published in: on novembre 4, 2009 at 07:40  Comments (4)  
Tags: , , ,