Ogni volta

 

Silenzi

  
Detesto i miei silenzi, amo il pensarti
soffro del tuo attendere a volte deluso
in gioco d’amore proibito al sole negato
 
Illuminata anima che brilli e mi accechi
ma con la mano seguo il levigato volto
delle labbra dischiuse cerco quel bacio
che sappia di passione e di dolcezza
 
Chiedersi nei lunghi silenzi cosa sarà di noi
cercare nell’abbraccio l’appartenersi
senza misura di tempo in infiniti giorni
di notti confuse con albe che ci colgano
dormienti e stanchi in aromi di corpi
 
Detesto i miei silenzi che sanno di lontano
e negano le parole che sempre dirti vorrei
come musica che accompagni l’amore
cullato e disteso come veste pregiata
in attesa d’essere ammirato sulla tua pelle
ed io a guardare ciò che per te ho cucito
 
Bello questo amore sofferto in spazi rubati
al tempo che scorre sulle normalità scritte
con lettere d’abitudini scolpite sulla vita
 
Bello incontrarsi e parlarsi e triste il non detto
al momento del rientrare nell’oblio.
 
Bello sentirsi morire dentro quando l’amore
reclama il suo diritto a nascere e grida
il suo doloroso esistere strappando le carni
con unghie che affondano per non lasciarci.
 
Anche morire ogni volta è il senso di viverti
e respirarti come se fossi il primo amore

Claudio Pompi

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:16  Comments (4)  
Tags: , , ,

La canzone dei vecchi amanti

 

LA CHANSON DES VIEUX AMANTS

Bien sûr, nous eûmes des orages
Vingt ans d’amour, c’est l’amour fol
Mille fois tu pris ton bagage
Mille fois je pris mon envol
Et chaque meuble se souvient
Dans cette chambre sans berceau
Des éclats des vieilles tempêtes
Plus rien ne ressemblait à rien
Tu avais perdu le goût de l’eau
Et moi celui de la conquête.

Mais, mon amour
Mon doux mon tendre mon merveilleux amour
De l’aube claire jusqu’à la fin du jour
Je t’aime encore tu sais je t’aime

Moi, je sais tous tes sortilèges
Tu sais tous mes envoûtements
Tu m’as gardé de pièges en pièges
Je t’ai perdue de temps en temps
Bien sûr tu pris quelques amants
Il fallait bien passer le temps
Il faut bien que le corps exulte
Finalement finalement
Il nous fallut bien du talent
Pour être vieux sans être adultes.

Et plus le temps nous fait cortège
Et plus le temps nous fait tourment
Mais n’est-ce pas le pire piège
Que vivre en paix pour des amants
Bien sûr tu pleures un moins moins tôt
Je me déchire un peu plus tard
Nous protégeons moins nos mystères
On laisse moins faire le hasard
On se méfie du fil de l’eau
Mais c’est toujours la tendre guerre

JACQUES BREL

§

Certo ci fu qualche tempesta
anni d’amore alla follia.
Mille volte tu dicesti basta
mille volte io me ne andai via.
Ed ogni mobile ricorda
in questa stanza senza culla
i lampi dei vecchi contrasti
non c’era più una cosa giusta
avevi perso il tuo calore
ed io la febbre di conquista.
Mio amore mio dolce meraviglioso amore
dall’alba chiara finché il giorno muore
ti amo ancora sai ti amo.
So tutto delle tue magie
e tu della mia intimità
sapevo delle tue bugie
tu delle mie tristi viltà.
So che hai avuto degli amanti
bisogna pur passare il tempo
bisogna pur che il corpo esulti
ma c’é voluto del talento
per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti.
Mio amore mio dolce mio meraviglioso amore
dall’alba chiara finché il giorno muore
ti amo ancora sai ti amo.
Il tempo passa e ci scoraggia
tormenti sulla nostra via
ma dimmi c’é peggior insidia
che amarsi con monotonia?
Adesso piangi molto dopo
io mi dispero con ritardo
non abbiamo più misteri
si lascia meno fare al caso
scendiamo a patti con la terra
però é la stessa dolce guerra.
Mon amour
mon doux, mon tendre, mon merveilleux amour
de l’aube claire jusqu’à la fin du jour
je t’aime encore, tu sais, je t’aime.

FRANCO BATTIATO

 



Published in: on novembre 16, 2009 at 08:15  Comments (13)  
Tags: , , , , ,

Caro tramonto

Bird_and_Sunset

 L’abito della sera
indossa ora l’albero coi trilli
a cui fa capo l’ugola del merlo
ed il cu-cù risponde da lontano,
tra le foglie sguazzano scintilli,
filtra l’ultimo sole,
scorazza rosolaccio nel declivio…
caro tramonto,
coi raggi pacati
e col respiro
della brezza leggera…
si spande il giorno vorticoso,
sfocerà nell’oceano della sera.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:14  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

L’istruzione

 

Oscar Wilde

 “Negli esami, gli sciocchi fanno domande a cui il saggio non è in grado di rispondere.  L’istruzione è una cosa ammirevole, ma è bene ricordare di tanto in tanto che non può essere insegnato nulla che valga la pena di sapere.”

OSCAR WILDE

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:13  Comments (3)  
Tags: , ,

Mannaggia

 
 
Mappamondo
 
 
Se avessi sbirciato
anche solo
qualche pagina
se avessi toccato
con i polpastrelli
l’Atlante
quello enorme e rigido
in rilievo
avrei sentito monti
mari e isole
ne avrei colto sapore
se avessi studiato
di noi e dell’impero
e degli agguati
e del potere mai sazio
se avessi sfogliato
qualche verso
qualche foto di guerra
avrei saputo oggi dire
“stiamo tornando indietro”
ma  non l’ho fatto
e ora non c’è tempo
né  luogo.
Se avessi parlato
con mio nonno
da Giovanni
diventato Johnny
o con mia madre
che ha perso
capelli e riso
dietro il bancone
saprei perché
la mia voce roca
sa di fiume
di rovi e nubi basse.
Allora chiedo a voi
che siete
in mezzo
che leggete e parlate
che sapete.
Fatelo per noi.
La cultura non si svende
al mercato
Tenetela in serbo e
cantatela nei vicoli
leggetela nei teatri
e nelle piazze
mangiatela
a pranzo e cena
e con il latte
ai vostri figli.

Tinti Baldini

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:11  Comments (2)  
Tags: , , , ,

L’utilitè dal Latén

Tavolo di libri
 
 
Dû trî ân fà
a inbianché la cà
e só e źå par la scalatta
e fnèster avérti par fèr sughèr i mûr
e corr a cunprèr al bianc
e i butiglién di culûr fôrsi parché
un po’ d vardulén ai sta bän
t’al sè
cal bianc cand al se spórca sóbbit
o chisà l’é méi un pô d naigher
acsé ai vén un avòri
ch’al reśésst de pió.
E spósta tótt i môbil
e tîra ed zà e spenź ed là
che un quelc pà
prémma o pò se stiancarà…
sé sé sé l’é pròpi finé acsé!
ha ha haaaaa!
al pà stanc dnànz dla casapânca
qualla ch’l’é péńna ed poveśì
dåpp pió d quarantân d sarvézzi onorè
śnarvè da zintunèra d galerî
l’ha źdó
al s é stianchè int na luśnè
e patapumfete santa palatta
totti äl mi poveśî
i éren là in tèra śgunbiè.
E alåura cun gran pazénzia
arcói fói dåpp a fói
sistéma incôsa mo
ala fén am amanchèva un pà!
Pänsa e ripänsa fén a quand
eureca!
con quâter lîber ed latén
ch’avèva lé a purtè ed man
(ón dal Pecio e dla Giancarla)
ai ho arméss in pî la situaziån:
dóvv as capéss benéssum…
l’utilitè dla cultûra!

§

L’UTILITÀ  DEL  LATINO

Due tre anni fa
imbiancai la casa
e su e giù per la scaletta
e finestre aperte per far asciugare i muri
e corri a comprare il bianco
e i bottiglini dei colori forse perché
un po’ di verdolino ci sta bene
tu lo sai
quel bianco candido si sporca subito
o chissà è meglio un po’ di nero
così ci viene un avorio
che resiste di più.
E sposta tutti i mobili
e tira di qua e spingi di là
che un qualche piede
prima o poi si romperà…
sì sì sì è propio finita così!
ha ha haaaaa!
il piede stanco davanti della cassapanca
quella ch’è piena di poesie
dopo più di quarant’anni di servizio onorato
sfibrato da centinaia di gallerie
ha ceduto
s’è rotto in un fulmine
e patapumfete santa paletta
tutte le mie poesie
erano là in terra scompigliate.
E allora con gran pazienza
raccogli foglio dopo foglio
sistema tutto ma
alla fine mi mancava un piede!
Pensa e ripensa fino a quando
eureka!
con quattro libri di latino
che avevo lì a portata di mano
(uno del Pecio e della Giancarla)
ho rimesso in piedi la situazione:
dove si capisce benissimo…
l’utilità della cultura!

Sandro Sermenghi

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:08  Comments (2)  
Tags: , , , , ,