Alberi infiniti

Alberi isolati
alberi in fila
come soldati
alberi di pace e d’amore
alberi infiniti
rami protesi al cuore
ed al cielo
nel canto delle cicale
nel tepore del giorno
nel gelo della notte
alberi dalle radici possenti
alberi sradicati dalla potenza dei venti
noi come alberi
infiniti

Maria Attanasio

Published in: on gennaio 29, 2010 at 07:33  Comments (9)  
Tags: , , , , , , , , ,

Hai viso di pietra scolpita

Hai viso di pietra scolpita,
sangue di terra dura,
sei venuta dal mare.
Tutto accogli e scruti
e respingi da te
come il mare. Nel cuore
hai silenzio, hai parole
inghiottite. Sei buia.
Per te l’alba è silenzio.
E sei come le voci
della terra – l’urto
della secchia nel pozzo,
la canzone del fuoco,
il tonfo di una mela;
le parole rassegnate
e cupe sulle soglie,
il grido del bimbo – le cose
che non passano mai.
Tu non muti. Sei buia.
Sei la cantina chiusa,
dal battuto di terra,
dov’è entrato una volta
ch’era scalzo il bambino,
e ci ripensa sempre.
Sei la camera buia
cui si ripensa sempre,
come al cortile antico
dove s’apriva l’alba.

CESARE PAVESE

Di te

E venne sera
spingendo all’orizzonte
una flebile luce
un cane si avvicinò a me
come un bambino
che voleva giocare
il vento forte
fece piegare rami di un albero
come s’inchinasse
al giorno che se ne andava

e venne notte
e ne fui avvolto
mentre ti cercavo
nei miei ricordi
insieme a quella
tua ultima carezza
per addormentarmi

Pierluigi Ciolini

Published in: on gennaio 29, 2010 at 07:21  Comments (6)  
Tags: , , , , , , ,

Evocazione

Lungamente nell’afa s’è atteso
partorire di cirri gestanti,
agli schioppi d’un cielo iperteso
si ammassan le gocce importanti.

Sono qui, cara pioggia, mi vedi?
che trasudo di madida sete?
Ma tu brami la terra ed incedi
come mitica acqua del Lete.

E s’estingue l’arsura agostina
che m’induce così a evocare
dal passato remota bambina
che amava ne le pozze guazzare.

Daniela Procida

Published in: on gennaio 29, 2010 at 07:18  Lascia un commento  

Il viaggio

“Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre”

JOSE’ SARAMAGO

Published in: on gennaio 29, 2010 at 07:00  Comments (3)  
Tags: , , ,

Malinconia

Malinconia mi veste
nel mio camminare
lungo un viale
coperto da foglie calpestate
che più  riescono cantare.
l’intorno è sfumato
mentre svanisce nella quiete
un ricordo di melodia campestre
occupando lo spazio
di sogni infranti,
di comunioni interrotte.
la speranza mi osserva triste
relegata in un angolo del ring
dove scossa da ripetuti colpi
come animale ferito
cerca di celarmi allo sguardo
dell’avverso momento.
Ritorno al pensare!
i momenti di incontrovertibile gioia
alle certezze mai trovate
alla ricerca del suo profumo
riconducendomi al sussurro
delle sue labbra
allo sguardo dolce e tenero
che mi travolge.
Cammino su stagni gelati,
smarrito tra le fronde degli alberi
inseguo, muto, la speranza.
mentre la terra intorno
si risveglia, ed il suo respirare
si adagia sulle dolci colline
ancor trine di nebbia.

Marcello Plavier

Published in: on gennaio 29, 2010 at 06:55  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,