L’arte

“L’arte non è pensabile senza rischio e senza sacrificio spirituale di sè”

BORIS LEONIDOVIČ PASTERNAK

Published in: on febbraio 4, 2010 at 07:34  Comments (6)  
Tags: , ,

Scrivimi

Quello che ti passa
e non sai cos’è?
Forse è quel poco che al mattino
ti fà dondolare la testa
e poi sembra un rito
che salta insieme
all’altro piede che ti veste

Sembra che domani pioverà
su qualcosa che è cambiato
e non è che poi
tutto cambia
ed è la fine

Pierluigi Ciolini

A Valentina

Published in: on febbraio 4, 2010 at 07:24  Comments (3)  
Tags: , , , , , ,

Limiti


Immaginiamo un piano, in cui la vita
dell’uomo, sia un segmento
per estremi: la nascita e la morte
già di per sé un limite e un tormento
in più gravato dalla malasorte
d’incrociarsi sul piano con le rette
infinite dei limiti.
Limiti stimolanti o che ci frenano
atti a difendere oppure che umiliano;
limiti che ci si ostina a superare
seminando ferite; parole spese
da non ritrattare.
I limiti covati dai rimorsi
oppure quelli, forse i tanti
ignorati, per non avere rimpianti.
Limiti naturali che uccidono
soltanto se sfidati incautamente;
ostacoli sociali o convenzioni
che in Tanto e Niente
hanno il mondo diviso
limiti di legalità che troppi ignorano
per guadagnarsi un posto in paradiso:

questo paradiso!

Viviana Santandrea

Published in: on febbraio 4, 2010 at 07:23  Comments (13)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Gran Sasso

Culmini sull’alta cima

castello di pietra severo

fiero, Grande Sasso calcareo

mentre l’aurora ti risveglia

rifletti la corolla del Mediterraneo

cristallina appare la sua forza

ti anima e t’inebria.

Chino ai tuoi piedi

quasi scompare la purezza del Calderone

si stagliano a corone le massicciate

della Maiella Velino e del Sirente

archi di vita

che aprono sipari e sorprese delle loro cavità.

Sguardi rapaci dell’aquila reale

sorvolano vaste foreste che ammantano i tuoi strati

fra massi e cielo possenti ti trasmettono il vigore.

Tu ora finalmente sei protetto

nel grembo dell’uomo, partorito dalla madre terra

e ancora volgi le tue rupestri praterie, al lupo ed al camoscio.

Nelle boscose solitudini e nei pendii corrosi dal vento

il tuo volto colmo di neve, con  primavere scivola lento

dolcemente si posa, sul seno della pace e sullo scorrere del tempo.


Aurelia Tieghi

Poesia classificata al 1° posto

al concorso:”Premio Tortoreto alla Cultura” 2007

Stanotte

 
Stanotte ho sognato
d’alzarmi dal letto
e con passo tremante
allontanarmi via via.
 
Stanotte ho sognato
di abbandonarmi a me stessa
liberarmi delle paure
e riaprirmi al mondo.
 
stanotte ho sognato
di corrrere felice
senza fatica nè pena
dimenticando
la solitidine e
il mondo intero.
 
Stanotte ho sognato..
finchè la luce ha assorbito il sonno
e mi ha fatto ricadere
in una tristezza che fa male.
 

Annalisa Savarese

Published in: on febbraio 4, 2010 at 07:11  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , ,

Meglio ti vedo – al buio –

I SEE THEE BETTER – IN THE DARK –
I do not need a Light –
The Love of Thee – a Prism be –
Excelling Violet –

I see thee better for the Years
That hunch themselves between –
The Miner’s Lamp – sufficient be –
To nullify the Mine –

And in the Grave – I see Thee best –
It’s little Panels be
Aglow – All ruddy – with the Light
I held so high, for Thee –

What need of Day –
To Those whose Dark – hath so – surpassing Sun –
It deem it be – Continually –
At the Meridian?

§

Non mi serve una luce –
L’amor di te – è un prisma –
Che oltrepassa il violetto –

Meglio ancora ti vedo per questi anni
Che s’inarcano in mezzo –
Con la lampada può – il minatore –
La miniera annullare –

E nella tomba – ancor meglio ti vedo –
Le sue corte pareti
Ardono – tutte rosse – della luce
Da me tenuta, per te, così alta –

A che mai serve il giorno –
Per chi nel buio – un sole ha – così eccelso –
Che sembra restar su – perpetuamente –
Sul meridiano?

EMILY DICKINSON

(Traduzione di Letterio Cassata)

Published in: on febbraio 4, 2010 at 07:06  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , , ,