Per il mio amico Sandrino

Poesia “indeformabile”

PR AL MÎ AMÎG SANDRÉN

An vói brîsa fèr di c’nómm
mo Sandrén, col såu poesî,
t métt al côr in alegrî,
mo, capîri, al srêv pó cómm
agranplères só pr i mûr
pr ascultèr d avsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil.
I vêrs, qué, i pêrden la lómm
e i fan däli acrobazî,
mo, s’t adrôv la fantasî,
té t al vadd un quèlc barlómm.

§

Non voglio fare delle smancerie
ma Sandrino, colle sue poesie,
ti mette il cuore in allegria,
ma, quanto a capirle, sarebbe come
arrampicarsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare piste ciclabili
con poesie indeformabili.
I versi, qui, perdono la luce
e fanno acrobazie,
ma, se usi la fantasia,
riesci a vedere qualche barlume.

Amos Lelli

Canzone d’amore

LIEBESLIED

O du, ich kann nicht sagen,
was du aus mir gemacht.
Ich fliehe vor den tagen
und liebe nur die nacht.

Die nacht ist mir so golden
wie sonst kein tag mir war,
da träum ich von einer holden
fraue mit blondem haar.

Da träum ich von seligen dingen,
die mir ein blick verhieß,
da hör’ ich lieder klingen
fernher vom paradies.

Da sehe ich wolken jagen
und schaue lang in die nacht
o du, ich kann nicht sagen,
was du aus mir gemacht.

 §

Per dire cos’ hai fatto 
di me, non ho parole. 

cerco solo la notte 
fuggo davanti al sole. 

La notte mi par d’oro 
più di ogni sole al mondo, 
sogno allora una bella 
donna dal capo biondo. 

Sogno le dolci cose, 
che il tuo sguardo annunciava, 
remoto paradiso 
di canti risuonava. 

Guarda a lungo la notte 
e una nube veloce
per dire cos’ hai fatto 
di me, non ho la voce. 

HERMANN HESSE

Published in: on febbraio 25, 2010 at 07:28  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , ,

Solitudine

Arido il mio petto
piange
scaglie di germogli secchi

Laghi prosciugati
i miei occhi
ciechi cercano nuove aurore.

Anna Maria Guerrieri

Published in: on febbraio 25, 2010 at 07:12  Comments (4)  
Tags: , , , , ,

Il senso del senso

Soltanto un rifugio,
voce lontana d’inchiostro
che parla silente
ma sparge del senso
il ruggito
che senso non ha.

Daniela Procida

Published in: on febbraio 25, 2010 at 07:11  Comments (3)  
Tags: , , , ,

Ogni notte

Ciò che non posso vedere
non ha confini.
Nel buio
del mio letto,
occhi aperti,
scopro
lo spazio
oltre le stelle;
ed è reale
più della luce
delle giornate
che potrei affrontare
ad occhi chiusi
nell’attesa
di scivolare
in volo leggero
all’arrivo
del sogno.
Libero solo
quando lascio il pensiero.

Gian Luca Sechi

Published in: on febbraio 25, 2010 at 07:06  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,