Carnevale 2010

Sono contro un modo stitico
di poetare in rima o no,
mi parrebbe d’esser statico
così allora non ci sto.

La poesia è l’avventura
che ti rende sempre ludico,
che sconfigge la sventura
sberleffando i Grandi in pubblico!

Che buffoni a carnevale
in sto mond’o/sceno/grafico
che marcisce lo Stivale
troppo spess/o/n-line grafico!

Non ci resta che capire
che in sto mond’opp(i)ortunistico
sol mangiare per morire
è il pensier capitalistico.

Queste note meta/fisiche
non so dove porte/ranno,
spero azioni psico/fisiche
che il cervello nette/ranno.

Non vo oltre indi perciò
vola in alto l’ipot/etico,
qui si chiude il qui pro quo
con st’augurio assai prof/etico:

tutti no al cannibalismo
delle multinazionali,
su scuotiàmci dal fideismo
e imbocchiam di nuovo i viali

dove vivo è l’ideale
dunque no al capitale,
dove vivo è il buon lavoro
per cui crescer nel decoro,

per cui fare poesia,
nel teatro o sulla via,
senza tema che frattanto
qualchedun ci rubi il manto.

Poi al suon di uno yé yé,
scancellati i vil lacchè,
tutti lieti e via in tournée:

in soirée col scimpanzè,
in gilè a un défilé,
regalarti una pensée,

e conciossiacosaché,
tête-à-tête fra me e te
nelle nubi di un buffè,

sorbettandoci un brûlé,
degustando un buon soufflé,

Dopoché, talché, fuorché,
viva sempre il carnevale
dove ogni scherzo vale:

tutt’insieme avanti e indrè
perepè perepepè!

Sandro Sermenghi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/02/27/carnevale-2010/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Sei adorabile ,Sandren che tocchi i mali del mondo con ironia e sagacia e ci fai ballare nella’avventura ,nel gioco ,nella fantasia che è poi poesia.Grazie e grazie.Tinti

  2. E bravo Sandren che prendi lo spunto del carnevale per “suonargliele in parole” a quegli smargiassi e oppurtinisti che stanno rovinando il nostro bel Stivale. Ciao Sandren e buona serata.
    Roberta

  3. Unico,inimitabile.
    maria

  4. Care tutte, siete voi le più inimitabili del globo! Il vostro idioletto è per me inconcepibile ma mi pare che stiamo bene insieme: ognuno porta il suo cucchiaietto, ne nasce un ruscelletto che scende e
    raccoglie ancora… e plasma il cantiereoceano!
    ringrazio Max per la maschera picassiana, ciaosandren

  5. Ironia di maschera che cela lacrime di mondo. E cantiam la poesia, Perepperepè, che d’altri appigli più non ce n’è. Ciaosandren, simpaticissimo.
    Flavio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: