Ritratto della mia bambina

La mia bambina con la palla in mano,
con gli occhi grandi colore del cielo
e dell’estiva vesticciola: “Babbo
-mi disse voglio uscire oggi con te”
Ed io pensavo : Di tante parvenze
che s’ammirano al mondo, io ben so a quali
posso la mia bambina assomigliare.
Certo alla schiuma, alla marina schiuma
che sull’onde biancheggia, a quella scia
ch’esce azzurra dai tetti e il vento sperde;
anche alle nubi, insensibili nubi
che si fanno e disfanno in chiaro cielo;
e ad altre cose leggere e vaganti.

UMBERTO SABA

Published in: on febbraio 28, 2010 at 07:16  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Ho una pena nascosta

Ho una pena nascosta
del tempo che scorre
come placido fiume
che mai s’arresta.
I giorni hanno eroso
gioie e tristezze
come fiume tenace
le sue sponde vitali.
Ora pare che il tempo
si fermi sospeso
in attesa del nulla,
come fiume melmoso
giunto alla foce.

Nino Silenzi

Published in: on febbraio 28, 2010 at 07:15  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , ,

Invocazione

Vivimi Poesia
penetra in me
scandisci le tue sillabe
al ritmo del mio cuore
fa che le tue parole
scorrano le mie vene
linfa vitale inondami
rendimi un poco ebbra
e fa che la tua nebbia
avvolga la mia mente
confondi la ragione
regalami l’oblìo
almeno per un attimo
parla tu al posto mio.

Viviana Santandrea

Published in: on febbraio 28, 2010 at 07:10  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Poesia scalza

Non puoi dormire
è stanco il tuo presente
hai voglia di sorridere di nuovo
di vestirti di maggio d’erba e fiori
e te ne stai mimosa ripiegata
sopra te stessa immobile

la strada che s’inoltra nel crepuscolo
è coperta di rovi
e non bastano i fiori di chi t’ama
a proteggerti i piedi.
Potremo solamente trasportare
sulle parole docili il presente
nel futuro di un giorno luminoso
che di bellezza vesta anche il tramonto
le nostre mani a carezzare un sogno
le braccia aperte a fare da riparo.

Quella voce che narra i tuoi silenzi
cullarla dentro come una speranza.

Cristina Bove

Morfeo

Ala silenziosa
bel sonno
ristoratore
petalo clonato
un bacio fortemente cercato
premuto sulle palpebre
sul corpo, a tutte le ore

chi mai mi aiuterà
se non tu?

dicono di te, manna
panna
cotone
mussola del cielo
stellato e diurno
voglio stare in quella postazione
carezza libera dei sogni
Essere
schiuma dell’onda
verde flutto alla riva
del tuo abbraccio.

Aurelia Tieghi

Published in: on febbraio 28, 2010 at 07:02  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,