Bocca

Se toccherò
la luna con le labbra
e avrò l’ardire
di baciarla tutta
ecco sarò
bocca di cielo

Tinti Baldini

Published in: on marzo 4, 2010 at 07:48  Comments (11)  
Tags: , , , ,

Repliche

Quel dolce matrimonio
tra nudità e penombra,
io lo rinnovo tutte le sere
che tu vieni
a prepararti come le volte in riva al fiume.

Il piede, primo suono nell’acqua
il seno duro
pomelle rosse prima di colta;
e poi la seta
che inciampa dove il brivido
ti scheggia la fessura.

Massimo Botturi

Published in: on marzo 4, 2010 at 07:24  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

ARTISTI

Siamo tutti artisti, perchè ogni sguardo è un quadro dove dipingiamo il nostro stato d’animo.

Pierluigi Ciolini


Published in: on marzo 4, 2010 at 07:22  Comments (3)  
Tags: , , ,

Volare

Quel maritozzo con la panna
che mangiavamo da ragazze
quasi fosse un premio prezioso
che assaporavamo lentamente.

Le risa come zucchero a velo
giovani come germogli
alla ricerca di luce.

Ricordi appannati
su di un vetro freddo
attraverso il quale
osservo il viale.

Alba che appare tra le nubi
indica la via
ove non vedo il traguardo.

Ali che crescono su spalle ricurve
dagli affanni
supremo segno di chi
sa ancora volare

Maristella Angeli

Le mie emozioni


Lungo il percorso dell’anima mia
le mie emozioni prendo per mano
e là le conduco per poi adagiarle
nel letto disfatto da sogni nascosti.
Così, riposate e fragili forme,
verran frazionate in attimi puri
che bevono linfa da estrema fonte
ed opere infine saran di cemento.
E le guardo, le odoro, le ascolto
nel breve tragitto del loro ritorno
al giungere sparse sulla mia pelle
e quindi nel cielo esplodere tutte…

Aurelio Zucchi

Published in: on marzo 4, 2010 at 07:09  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Le foglie morte

LES FEUILLES MORTES

Oh, je voudais tant que tu te souviennes
Des jours heureux où nous étions amis
En ce temps-là la vie était plus belle
Et le soleil plus brûlant qu’aujourd’hui.

Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Tu vois, je n’ai pas oublié
Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Les souvenirs et les regrets aussi.

Et le vent du Nord les emporte,
Dans la nuit froide de l’oubli.
Tu vois je n’ai pas oublié,
La chanson que tu me chantais…

Les feuilles mortes se ramassent à la pelle
Les souvenirs et les regrets aussi,
Mais mon amour silencieux et fidèle
Sourit toujours et remercie la vie.

Je t’aimais tant, tu étais si jolie,
Comment veux-tu que je t’oublie?
En ce temps-là la vie était plus belle
Et le soleil plus brûlant qu’aujourd’hui.

Tu étais ma plus douce amie
Mais je n’ai que faire des regrets.
Et la chanson que tu chantais,
Toujours, toujours je l’entendrai.

C’est une chanson qui nous ressemble,
Toi tu m’aimais, moi je t’aimais
Et nous vivions, tous deux ensemble,
Toi qui m’aimais, moi qui t’aimais.

Mais la vie sépare ceux qui s’aiment,
Tout doucement, sans faire de bruit
Et la mer efface sur le sable
Les pas des amants désunis.

C’est une chanson qui nous ressemble,
Toi tu m’aimais et je t’aimais
Et nous vivions tous deux ensemble,
Toi qui m’aimais, moi qui t’aimais.

Mais la vie sépare ceux qui s’aiment,
Tout doucement, sans faire de bruit
Et la mer efface sur le sable
Les pas des amants désunis

§

LE FOGLIE MORTE

Oh, vorrei tanto che anche tu ricordassi
i giorni felici del nostro amore
Com’era più bella la vita
E com’era più bruciante il sole
Le foglie morte cadono a mucchi…
Vedi: non ho dimenticato
Le foglie morte cadono a mucchi
come i ricordi, e i rimpianti
e il vento del nord porta via tutto
nella più fredda notte che dimentica
Vedi: non ho dimenticato
la canzone che mi cantavi

È una canzone che ci somiglia
Tu che mi amavi
e io ti amavo
E vivevamo, noi due, insieme
tu che mi amavi
io che ti amavo
Ma la vita separa chi si ama
piano piano
senza nessun rumore
e il mare cancella sulla sabbia
i passi degli amanti divisi

Le foglie morte cadono a mucchi
e come loro i ricordi, i rimpianti
Ma il mio fedele e silenzioso amore
sorride ancora, dice grazie alla vita
Ti amavo tanto, eri così bella
Come potrei dimenticarti
Com’era più bella la vita
e com’era più bruciante il sole
Eri la mia più dolce amica…
Ma non ho ormai che rimpianti
E la canzone che tu cantavi
la sentirò per sempre

È una canzone che ci somiglia
Tu che mi amavi
e io ti amavo
E vivevamo, noi due, insieme
tu che mi amavi
io che ti amavo
Ma la vita separa chi si ama
piano piano
senza nessun rumore
e il mare cancella sulla sabbia
i passi degli amanti divisi

JACQUES PRÉVERT