Toccare

Lungata
alle colonne del buio, mani avanti
per sospettare il pozzo dell’acqua
e unire il viso, al tiepido conforto
di chi ti vuole bene.
Di chi ora mette il segno sui sogni,
altro da fare,
altri merletti e pizzi
cotoni delicati.

Toccare.
Come si fa col grano
e il diritto dell’amore.

Con quell’inchiostro dolce
che viene dal mio ieri,
le pagine tue aperte
lasciate controvento.
Come un messaggio uscito dalla bottiglia,
il fiore,
venuto alla fessura
di due piastrelle mute.

Massimo Botturi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/04/26/toccare/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. “Toccare.
    Come si fa col grano
    e il diritto dell’amore.”

    Senso del tatto… d’amore. Complimenti è bellissima. Ciao
    aurelia

  2. L’amore sentito col tatto del grande poeta di immagini e sentimenti che sei.
    maria

  3. Tra quelle che più mi allettano perchè c’è il tatto che per me è quasi il primo senso.Che dire se non bella bella.Tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: