Leccarda


Una volta in un bar
redassi una canzone
che in giro col Giorgione
andammo a cantare
a piedi e in bici al mare!
Posto che vi giungemmo
a sera molto tarda
prendemmo una leccarda
e per benin la ungemmo
per cuocervi un’orata
durante la nottata:
e insieme… folleggiar!

Sandro Sermenghi

Published in: on maggio 25, 2010 at 07:34  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/05/25/leccarda/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Mio marito mi ha spiegato che cosa è la leccarda e allora mi ci fcco sullo spiedo a cuocere un poco con te al sole….Grazie Sandren!Tinti

  2. E’ una leccarda che invita a godere della vita, piena di gioia che ti contraddistinge caro Sandren, sempre frizzante e ottimista. Ciaosandren , un abbraccio.
    Roberta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: