L’UGUAGLIANZA

L’uguaglianza esiste solo nelle virtù di chi è morto, se ci fate caso sono stati tutti buoni, onesti e probi. Non troverete mai scritto “Qui riposa finalmente un uomo che in vita ne ha fatte di tutti i colori”  “Esempio di egoismo massimo, ineguagliabile nullafacente, lasciò questo mondo tra il giubilo di chi per anni sperò che il suo decesso avvenisse prima. No, sono stati tutti ottimi padri, mariti esemplari, menti illuminate, probi lavoratori, pieni di amore e di pietà cristiana. Tutti, indistintamente, hanno vissuto nella grazia del Signore. A cinquantasei anni, credo di avere avuto modo di vedere qualcuno morire e per come ho avuto modo di conoscerlo in vita più di uno non aveva condotto una esistenza così cristallina. Tanto è vero che andando a deporre un fiore più in ricordo della nostra giovinezza passata insieme che per altro, ho trovato questo genere di frasi. Per un momento ho pensato di aver sbagliato fornetto, poi ho capito che era proprio lui. Se volete sapere fino a che punto arriva l’ipocrisia andate al cimitero, è l’enciclopedia per eccellenza nel suo genere. Non sono esenti le donne, anche loro madri esemplari esempi di virtù e abnegazione, spose fedeli. Non troverete mai una che si sia prostituita, eppure la prostituzione è il mestiere più vecchio del mondo, possibile che non siano mai morte? È vero che “una mela” al giorno toglie il medico di torno, ma anche il becchino? Niente da fare! Al cimitero non trovi traccia poiché sulle lapidi trovi scritto solo pregi e virtù. Non trovi traccia di madri che hanno abbandonato i propri figli. Tutte madri che hanno dedicato l’esistenza terrena alla prole. E allora sotto quelle umili croci, semplici lapidi dove oltre al nome e alle date non c’è scritto nulla chi giace? Forse ladri, assassini, prostitute, imbroglioni, madri snaturate, gente che è meglio dimenticare che ricordare. No. Gente che ha attraversato la vita come tutti noi e che di quel che dicono i posteri, nel bene e nel male, non può importare nulla perché nulla erano e nulla sono tornati ad essere. La morte non va presa sul serio ma neppure presa in giro con l’ipocrisia. Quello che vediamo nei nostri cimiteri sono monumenti alla nostra falsità, a noi stessi. Se abbiamo amato qualcuno e lo vogliamo ricordare non abbiamo bisogno di frasi scolpite nel marmo, lo portiamo nel cuore e non abbiamo bisogno di far sapere quanto importante fosse a chi vi entra. Bisognerebbe ricordare che lì ci sono solo dei poveri resti e basta. Il posto dove coltivare il ricordo, portarne avanti l’esempio è in chi resta.

Claudio Pompi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/05/26/luguaglianza/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. “…Se abbiamo amato qualcuno e lo vogliamo ricordare non abbiamo bisogno di frasi scolpite nel marmo, lo portiamo nel cuore…”

  2. Davvero Claudio caro ,quelle scritte a volte quasi ridicole come “donna di tempra virile”quasi fosse un androgino…mi hanno sempre innervosita.Inotre il buonismo da morti che livella tutto e tutti è un brutto sintomo.In fondo Foscolo,banaliszzando, quello diceva con i suoi bellissimi versi:non sevono lapidi ,i sepolcri sono quello che ognuno di noi lascia negli altri ,buono o cattivo che sia.Grazie ancora .
    Tinti

  3. Parole sacrosante che condivido e che spesso mi sono risuonate dentro, i cimiteri non sono altro che un luogo di memoria creato per necessità dall’uomo, le persone care scomparse non sono lì ma dimorano altrove…e intatte nel nostro cuore. Come te del resto caro Claudio che continui a…parlare con noi.
    Grazie sempre amico poeta.
    Roberta

  4. La morte ci fa tutti buoni e belli perchè tocca a tutti.questa è una forma di giustizia in fondo,che sia ipocrita non c’è dubbio.
    chi abbiamo amaro è marmo ed incenso nel nostro cuore.
    il dolore lo sappiamo noi soli.
    ciao Claudio,ovunque sei.
    maria

  5. La morte rende tutti uguali, ed i vivi preferiscono ricordare solo le cose buone dei loro defunti, a costo di inventarle. Grazie Claudio le tue parole giungono al cuore.

  6. Ehi Claudio continui a stare con noi, mi stai facendo compagnia, ma già come ebbi a dirti cerca di stringere un poco di più le tue dissertazioni, E poi non ti incazzare sai che io non ho pelli sulla …. non ricordo dove eheheheheheh,
    Abbraccio caldo come sempre dal tuo amico
    Marcello

  7. I ricordi , le virtù,….. ma anche i vizi e le brutture sono depositate nel nostro cuore.
    Le lapidi…”sepolcri imbiancati”…dove trovi scritto di tutto e di più…
    Per fortuna ci sei tu, Claudio, a ricordarci che il mondo è pieno di ipocrisia e le tue disserzioni ne sono una triste conferma.
    Michela


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: