Il Lupo

A questo punto nessun dolore
il corpo non sente più
anestetizzato dalla vita
tutto diventa fiume in piena
e tu sei con me
tira la corda
spara l’unico colpo della tua pistola
tagliami le vene
senti l’odore del sangue
e diventa animale
cosa vuoi che succeda a questo punto
ora che il lupo
si è fatto agnello per amore
sopporta il sacrificio
sopporta il dolore
il lupo è sceso tra gli uomini
e si è fatto strada
si è fatto arteria si è fatto
salmo e poi preghiera semplice
e sincera,
a questo punto cosa vuoi che succeda
ora che tutto è stato scritto
in ogni cellula di corpi
ancora in orbita nel futuro
che diventerà presente
tutto in una sola mente
immanente
ora e per sempre.

Maria Attanasio

Marina

MARINE

Les chars d’ argent et de cuivre —

Les proues d’acier et d’ argent —

Battent l’ écume, —

Soulèvent les souches des ronces.

Les courants de la lande,

Et les ornières immenses du reflux,

Filent circulairement vers l’est,

Vers les piliers de la foret,

Vers les futs de la jetée,

Dont l’ angle est heurté par des tourbillons de lumière.

§

I carri d’argento e di rame,

le prore d’acciaio e d’argento,

battono la schiuma,

sollevano i ceppi dei pruni.

Le correnti della landa

e le strade immense del riflusso

filano circolarmente verso l’est,

verso i pilastri della foresta,

verso i fusti della gettata,

il cui angolo è urtato da turbini di luce.

ARTHUR RIMBAUD

Autunno e speranza

Lascia la bella veste
l’albero è avvilito
tutte le sue foglie
l’autunno gli ha rapito,

agita i rami nudi
al vento che disperde
pensa alla primavera
sogna la chioma verde.

Nella campagna brulla
piange piegato il stelo
il fiorellino è morto
stamane al primo gelo,

il bulbo si addolora
sotto la terra spoglia
ma s’addormenta e aspetta
il dì che rigermoglia.

Filtra pallidi raggi
il sole un po’ sgomento
dietro cumuli grigi
che volano col vento,

vanno come pensieri
tra le sfocate impronte
del cielo ombroso e cupo
vagano all’orizzonte

là dove non arriva
tutto il nostro cammino
ma lo sguardo si affaccia
e gli appare vicino,

là dove nasce e muore
il dì, la vita sfiora
dice l’autunno fervido
che rifiorisce ancora.

Giuseppe Stracuzzi

La valle dei sogni

Quando capiti nella valle dei sogni
e non sai rigirarti a dovere
è tempo di entrare.

Rimembrano nel poco vissuto
immagini liete mischiate al dolore
la polvere sale a scomporre le carte.

Un fragile volo
ricompone un ricordo
travestito da fiaba.

Lorenzo Poggi

Published in: on agosto 28, 2010 at 07:13  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , ,

Coriandoli

E’ scintillar degli occhi
la mia miglior risposta
alla domanda che mi pongo
quando mia alba arriva calma
e a pedate la notte prende.

I forti battiti di questo cuore
son coriandoli dei dolci suoni,
dei sette colori della vita tutta
e dei profumi anche primordiali
mentre va via l’ultima onda
ancor di luce non siglata.

Andrà a confondersi lontano,
forse nel più perfetto centro
di questo mar che come me
vuole ora solo respirare.

Aurelio Zucchi

Published in: on agosto 28, 2010 at 07:07  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,