Camminano le stelle

Cammino,
e dietro camminano le stelle,
verso il domani delle stelle,
l’enigma,
la morte,
quel che fiorisce e la fatica sfinisce.
I passi fanno sangue di me,
esangue.
Sono cammino non iniziato.
Non vi è giacimento a vista,
cammino verso me stesso,
quel che verrà a me stesso.
Cammino,
e dietro camminano le stelle.

ADONIS ( Alī Ahmad Sa’īd Isbir)

Published in: on ottobre 1, 2010 at 07:26  Comments (1)  
Tags: , , , , , , ,

L’arpa

Si arresta l’arpa
per incantare
vibrando nuove corde
e l’accordo compone

versi e idilli
il tempo spettatore
il ritmo e l’accento
si ascolta in silenzio

stonato il vuoto
si riempie di pianto
lo zufolo accompagna
il delicato canto

una voce fa eco
è quella del tempo
raccoglie le note
per librarle nel vento

Maristella Angeli

Published in: on ottobre 1, 2010 at 07:22  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

…conferenze

…e nuoto dentro silenzi rotondi
profanati dal linguaggio
travolti
: sospiri sogni palpiti esistenza
ed altro ancora nuovo altro eccetera…

li avvolgo tosto
di nuovi canti
muti

Silvano Conti

Published in: on ottobre 1, 2010 at 07:12  Comments (2)  
Tags: , , , , , ,

Parlo da solo

Perchè parlo da solo e dico questi
tristi pensieri? Avrai dimenticato
il mio linguaggio: tra innumerevoli
voci della vita non potrai riconoscere
il suono della mia. Così le mie parole
si perdono, nel mare, lievi pallide
sabbie, eppure, un tempo non lontano,
prima che luce fosse, amore mio
nel cuore stornellava gioia d’un dono.

La tua anima ardeva del mio stesso
desiderio di fiamma ma, in adesso,
non riconosco più ciò che m’appartiene,
mendicando chiedendo ai sognatori,
con supplichevoli versi ov’è il mio bene.

Ignorato per sempre, langue e sospira
forse al mio fianco. Tu sei illusione
eterna, che illumina ed indora gli occhi
melanconici d’un pietoso mondo,
Dio non vana speranza ma certezza,
sorridimi per sempre, sin’a mia morte,
facendo sì ch’io muoia in te inebriato.

Paolo Santangelo

Caduca foglia

So che l’autunno verrà
dentro la mia poesia
come secoli fa
pioverà
dall’ albero della pigrizia
un pezzo di volontà ora cade avvizzita
come fa la foglia
il pensiero all’imbrunire s’accartoccia
con quell’aria umidiccia di silenzio
sì… soprattutto silenzio.

Aurelia Tieghi

Published in: on ottobre 1, 2010 at 06:52  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , ,