La vita grama

E dopo fumi, in qua dalla pioggia
un po’ nascosta.
Come aspettassi il giorno migliore per bussare
e chiedermi il futuro, come si suona un piatto
con la forchetta unta del tempo.
È un organetto
come di quelli visti la volta alla fermata:
un cagnolino, e un uomo
col suo vestito solo
senza serate a perdere, o amori da schiattare.
È un organetto il letto nel buio
e dopo fumi.
E dopo un altro colpo di tosse hai un anno in meno.
E una soddisfazione alle gambe
che non dici.

Massimo Botturi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/10/30/la-vita-grama/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. E quadro d’autore,sai?Tinti

  2. Una poesia “d’Autore” che s’imprime con nitidezza sulla tela della vita, grazie caro Massimo, la tua vita grama:
    “È un organetto
    come di quelli visti la volta alla fermata:
    un cagnolino, e un uomo
    col suo vestito solo
    senza serate a perdere, o amori da schiattare.”
    Un caro abbraccio.
    Roberta

  3. La vita grama che non sa cosa riservi il futuro, ma vede con nitidezza il presente.
    Ciao Massimo
    Michela

  4. grande sempre col cuore in mano ed al posto del cuore milioni di belle parole,ciao.
    maria


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: