Rio Bo

Tre casettine
dai tetti aguzzi,
un verde praticello,
un esiguo ruscello: rio Bo,
un vigile cipresso.
Microscopico paese, è vero,
paese da nulla, ma però…
c’è sempre disopra una stella,
una grande, magnifica stella,
che a un dipresso…
occhieggia con la punta del cipresso
di rio Bo.
Una stella innamorata?
Chi sa
se nemmeno ce l’ha
una grande città.

ALDO PALAZZESCHI

Published in: on ottobre 31, 2010 at 06:55  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/10/31/rio-bo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. quanto è bello tornare bambino
    Marcello

  2. E ‘ graziosissima e rievocativa.Mi ha fatto venire in mente un mio buffo alunno che pensava che Rio Bo’ fosse un fiume di buoi e non si dava pace .Ciao
    Tinti

  3. E’ un piccolo-grande gioiellino del grande Palazzeschi che ho riletto con piacere…tornando fanciulla a scuola. Grazie per la scelta.
    Roberta

  4. It’s enormous that you are getting ideas from this paragraph as well
    as from our dialogue made at this place.

  5. La nostalgia che crea RIO BO è immensa. Ho 84 ed ho studiato questa poesia alle scuole elementari. Non l’ho più dimenticata e nelle mia immaginazione l’ho sempre vista così come la descrive il poeta. Tre casettine… Un gradito ricordo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: