Languido tango

Tango
sull’orlo di un delirio
tra braccia che stringono
e posseggono la mia vita.
Tango
questa danza d’amore
coordinati passi
e mosse sinuose
lente carezze di
sguardi brucianti.
Chicchi di melograno
son perle di sudore
su labbra vermiglio.
Perfetto incastro
di corpi e respiro
cuori ritmano
un paso doble
perdutamente languidi
in un complice casquet.

astrofelia franca donà

San Silvestro a Bologna


SAN SILVÈSTER A BULÅGGNA

In vatta ai cópp,
snèli slanzè sinuåusi,
e curiåusi!,
ventsètt antànn TV
stra mèz ai camén mistiè,
mo gnanc un fîl ed fómm;
un pôc pió zå,
in un intarzèrs ed chèv
grûs e sutîl,
un spulinèrs ed clómmb
al suladèl.
In bâs una bîci
tête-à-tête col mûr,
e d un’auto al cûl
targhè BO F3 900 23;
un leànder ed frassc tusè
l’ha un fradd da gât, brrr,
e dla sgnåura Bréggida i fîl da stànder
i én piotòst instché.
A pûc pâs da lé,
ed via Regnoli såtta la tèrga,
un cagnàtt al nèsa… al nèsa…
ai pänsa un mumänt
cun la zanpatta pr’âria…
mo pò, dezîs, al và ed lóng
vérs Via Massarenti,
a dspèt dl’indicaziån
säns ónnic dal cartèl,
incurànt dal pulismàn,
che ai fà la cuntravenziån!

§


In cima ai tetti,
snelle slanciate sinuose,
e curiose!,
ventisette antenne TV
fra i camini mischiate,
ma neanche un fil di fumo;
un po’ più giù,
in un intreccio di cavi
grossi e sottili,
si spollinano i colombi
al solicello.
In basso una bici
a colloquio col muro,
e d’un’auto il culo
targato BO F3 900 23;
un oleandro di fresco tosato
ha un freddo da gatti, brrr,
e della signora Brigida i fili da stendere
sono piuttosto intirizziti.
A pochi passi da lì,
di via Regnoli sotto la targa,
un cagnetto annusa… annusa…
ci pensa un momento
con la zampetta per aria…
ma poi, deciso, va svelto
verso Via Massarenti,
a dispetto dell’indicazione
senso unico del cartello,
incurante del vigile urbano,
che lo multa… contromano!

Sandro Sermenghi

Pace

Io uomo  antico
sono uomo, pianta
e minerale:
in un  tempo solo
rilievo della terra
pesce ed uccello
Ulivo le mie vene
con fronte spagnola
lingua americana
e cuore italiano
tengo fissa la mia
invisibile radice
nel suolo natio
che si disseta
dell’acqua dei fiumi.
Attendo il bacio
della terra
a tutto ciò che vive
come prova d’amore
e questa bocca
misteriosa pronuncerà
la parola mai udita prima
fatta per cambiare
il corso di questo
mondo
Pace.

Marcello Plavier

Rondini, o voi dove andate?

Rondini, o voi dove andate
che par che il cielo v’ingoi?
O amiche rondini, fate
fate ch’io venga con voi.

Rondini, io getterò via
tutto ciò che amai, tutto ciò
ch’è inutil peso, terrò
soltanto l’anima mia.

Rondini, è certo che poi
senza l’ombra d’un pensiero
sarò leggero leggero
come il vento, come voi.

E tu taci, anima mia.
Mentre che scema la luce
andiamo dove ci conduce
questo volo, andiamo via.

MARINO MORETTI

Published in: on novembre 17, 2010 at 07:10  Comments (4)  
Tags: , , , , , , ,