Addio 2010, benvenuto 2011


ADÎO 2010,  BÄNVGNÓ 2011

Sé, Viviana, l é sicûr,
a sån pròpri armès al bûr!
Mo i tû vérs, äl tåu parôl,
par dnunzièr fèls marabótt
i dan säns ala Poesî!
Massmamänt qué vérs Nadèl
ch’ai arîva al Banbinèl
e pò dåpp, sóbbit dedrî,
nòva vétta con l Ân Nòv,
i Povêta i an da insésster:
Nòva Lûs, sänper pió cèr,
soferänza an in vlän pió,
âria e zîl e al månnd intîr
tótt inpgnè par fèr sparîr
mâfia, ‘ndràngheta e i sû stalîr!

§

Sì, Viviana, è sicuro,
siamo proprio rimasti al buio!
Ma i tuoi versi, le tue parole,
per denunciare falsi marabutti
danno senso alla Poesia!
Soprattutto qui verso Natale
ch’è in arrivo il Bambinello
e poi dopo, subito dietro,
nuova vita con l’Anno Nuovo,
i Povêti devono insistere:
Nuova Luce, sempre più chiaro,
sofferenza non ne vogliamo più,
aria e cielo e il mondo intero
tutti impegnati a far scomparire
mafia, ‘ndrangheta egli stallieri!

Sandro Sermenghi

E’ già Natale?


ÊL BÈLE NADÈL?

S’as conta i mîs e i dé chi en vulè
ban l’é Nadèl

s’a vdî tótti äl lûs ch’inbarbájan al vî
Indipandànza, Rizzoli, al Dåu Tårr
e l’âlbar là dnanz al Pudstè
sé, lé Nadèl

se i ûc di fangén i sbarlûsen
lé dnanz al vedrénni ed zuglén
lusént pió dal såul a meżdé,
t’at n’acôrż cl’ è Nadèl.

Mo se t’ guèrd tanti fâz furastîri
ch’i n’an da magnèr
e gnanc ónna cûerta pr’an żlèr
e murîr da par sé com un can
dåpp avair lavurè com un móll
par mandèr ai sô fiû un pèz ed pan
êl Nadèl?

Par chi żuven in vatta ai bastión
a svintlèr i strisón di dirétt
par na scôla pió gióssta, un lavurîr
e pr’avrîr äli urácc a chi sgnûr
chi fän cånt d’an sintîr
Êl  Nadèl?

Par chi ragazû adruvè
in infêren sänza speranza
che invêzi d un balån i an un bazooka
e i n’an gnanc al dirétt a onna cusïanza
êl Nadèl?
E pr i vcétt pensionè che a fén dal mais
an’i avanza al fantèsma d’un bajòc
par cumprèrs un decoder
sé, al srà Nadèl, mo i arän pôc da gôder!

§

Se si contano mesi e giorni ormai volati
ebbene è Natale

se vedete le luci che abbagliano le vie
Indipendenza, Rizzoli, le Due Torri
e l’albero davanti al Podestà
sì, è Natale
se gli occhi dei piccoli luccicano
davanti ai negozi di giochi
brillanti più del sole a mezzogiorno,
ti accorgi che è Natale.
Ma se guardi tanti visi stranieri
che non han da mangiare
senza una coperta per non gelare
e morire da solo come  un cane
dopo aver lavorato come mulo
per mandare ai figli un pezzo di pane
è Natale?
Per quei giovani sui monumenti
a sventolar gli striscioni dei diritti
per ‘na scuola più giusta, un lavoro
e per aprire le orecchie a quei signori
che fingono di non sentire
E’ Natale?
Per quei bimbi abusati
in inferni senza speranza
che al posto di un pallone hanno un bazooka
senza avere diritto a una coscienza
è Natale?
Infine per i vecchi pensionati
costretti a fine mese a rimanere
senza un soldo per comprarsi un decoder
sì, sarà Natale, ma han poco da godere!

Viviana Santandrea

Beviamo!

Beviamo, perchè aspettare le lucerne? Breve il tempo.
O amato fanciullo, prendi le grande tazze variopinte,
perchè il figlio di Zeus e Sémele
diede agli uomini il vino
per dimenticare i dolori.
Versa due parti di acqua e una di vino;
e colma le tazze fino all’orlo:
e l’una segua subito l’altra.

ALCEO

(Traduzione di Salvatore Quasimodo)

Published in: on dicembre 17, 2010 at 07:14  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , ,

L’amore

ti accoglie
tra mani bianche
dischiuse a conchiglia
riscalda
con gli occhi
del cuore.
Si spoglia l’essenza
della materia
e nuda
risplende
nella pienezza
della gioia.
Danza
sui prati di rugiada
gorgheggia
sulle note
di un flauto
si fa
piccolissimo
granello
sospeso
nell’Universo.

Graziella Cappelli

Published in: on dicembre 17, 2010 at 07:13  Comments (11)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Nello spazio invisibile

Tra cielo e terra
accovacciata sotto un melo
attendo.
Con il canto dell’allodola
odi il richiamo
La brezza mattutina
trasporta i baci
sulla tua bocca
per assetare
i tuoi pensieri
Dalla siepe di gelsomino
invio il mio profumo
Tra i sassi della riva
ti sogno
avvolto nel silenzio
dei pensieri tristi
che ti fanno speciale
inafferrabile
come nube spostata dal vento.

Gianna Faraon

Published in: on dicembre 17, 2010 at 07:00  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,