Tre haiku

 

sera:
tra i fiori si spengono
rintocchi di campana

§

silenzio:
graffia la pietra
la voce delle cicale

§

sono arrivato fino a qui
senza morire
e finisce l’autunno

MATSUO BASHŌ

Attraverso le parole di un  poeta giapponese del Seicento vogliamo rendere omaggio a quella terra martoriata ed al suo grande popolo in una delle sue ore più difficili

Published in: on marzo 18, 2011 at 06:59  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/03/18/tre-haiku/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Grande popolo che alza comunque la testa.
    Tinti

  2. bellissime! mi sono sempre piaciuti gli haiku, ed ammiro la capacità di sintei poetica, le parole incise che accarezzano il cuore, nella profondità della natura, nelle sfumature dell’anima, anche nel dolore e nella malinconia, toccano il cerchio segreto della vita,
    mi unisco a voi nel mandare un pensiero intenso

  3. tre bellissime haikú, per unirci un istante col pensiero ai Giapponesi che stanno trascorrendo tempi da incubo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: