Istanti

 

Mi chiedo dove vanno quelle ali.
Nella grata dei rami dell’inverno
pareva mi guidassero la mano
per ritrarre con due tocchi libertà.

Dove convulso oramai  è lo sguardo,
rimane la profondità del cielo
tra forme impenetrabili di nubi
ed istanti di tenero infinito.

Aurelio Zucchi

Published in: on marzo 26, 2011 at 06:51  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/03/26/istanti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Alla ricerca della serenità tuffandosi nell’immensità del cielo.

  2. E’ quel tenero infinito verso cui cerchiamo di volare,dolce amico.Tinti

  3. Una coltre di nubi e qualche spunto di azzurro conducono i pensieri a tuffarsi nella ” profondità del cielo”.
    Giuseppe


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: