Simile a un dio

Simile a un dio mi sembra quell’uomo
che siede davanti a te, e da vicino
ti ascolta mentre tu parli
con dolcezza
e con incanto sorridi. E questo
fa sobbalzare il mio cuore nel petto.
Se appena ti vedo, subito non posso
più parlare:
la lingua si spezza: un fuoco
leggero sotto la pelle mi corre:
nulla vedo con gli occhi e le orecchie
mi rombano:
un sudore freddo mi pervade: un tremore
tutta mi scuote: sono più verde
dell’erba; e poco lontana mi sento
dall’essere morta.
Ma tutto si può sopportare…

SAFFO

Published in: on maggio 7, 2011 at 07:34  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/05/07/simile-a-un-dio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. …ma tutto si può sopportare per amore ..ancora e ancora.Perfetta,grande!Tinti

  2. Concordo con Tinti la chiusa è una dolce magia, l’amore rende tutto sopportabile anche un possibile rifiuto. Grande Saffo!
    Roberta

  3. The reason for this is very obvious, though some people still have no idea why is this so.
    Reputable offline jewelers pretty much all have online stores.
    Let me be honest with you, it’s true – diamonds are in a girl’s best friend.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: