Storia di dodici mesi

Dice gennaio: chiudete quell’ uscio!
Dice febbraio: io sto nel mio guscio!
Marzo apre un occhio e inventa i colori
Aprile copre ogni prato di fiori.
Maggio ti porge la rosa più bella
Giugno ha in pugno una spiga e una stella.
Luglio si beve il ruscello in un fiato
Sonnecchia agosto all’ombra sdraiato.
Settembre morde le uve violette
Più saggio ottobre nel tino le mette.
Novembre fa di ogni sterpo fascina
Dicembre verso il Presepe cammina.

Sandro Sermenghi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/06/25/storia-di-dodici-mesi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Quanto mi piace da imparare e raccontare ballando questa filastrocca..Ciao Sandren.Tinti

  2. Bravissimo Sandro!
    Mi è piaciuta tantissimo.
    Graziella

  3. Bellissima questa filastrocca, finalmente una valida alternativa a quella ormai obsoleta per ricordarsi i giorni dei mesi 🙂
    Bravissimo, Pat

  4. Adoro le filastrocche, questa è meravigliosa.
    Sandra

    “Gennaio mette ai monti la parrucca, Febbraio grandi e piccoli imbacucca…”.Chi non la ricorda?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: