Ove il pensiero va

 
Da un ricamo di nuvole la luna fa capolino
e lucciole di stelle accendono e spengono
un brillar di sogni fra illusione e fantasia.
Un fruscio di profumi mi raggiunge dai tigli.
Era di ieri il sorriso
ora nascondi fra l’erba il viso cui rassomiglio.
Sento una voce, la tua
ma ho perso la mano che forte stringevi piano
a condurmi ogni giorno fra giochi e tenerezza
nell’alveo del mio scorrere verso il domani.
Svanisce la luna e le stelle si velano di nuvole.
E’ buio il cielo.
Sola, penso e non vedo.

Elide Colombo

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/07/02/ove-il-pensiero-va/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Una dolce poesia dove sento solitudine.
    Grazie Elide
    Graziella

  2. Grande malinconia racchiusa nella tua bellissima poesia
    Quando la luna non fa capolino ed illumina la vita, il buio scende prepotente e fa sentire tutto il suo potere.
    “Sola, penso e non vedo”, molto significative le parole della chiusa
    Patrizia

  3. E’ un inno all’amore e al ricordo. Espresso con grazia e sapienza. Purtroppo la vita è quel sogno che viene si
    ferma poi va. Stavolta è rimasto con te: bagaglio dolce
    e prezioso. Poi la Luce vi riunirà e il sogno non sarà
    più sogno.

    Con affetto, Paolo.

  4. Il pensiero va sempre, ritornerà di nuovo il ricordo con altri ricami di nuvole, bellisima Rosy

  5. Grazie amici.
    Un abbraccio.
    Elide


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: