La vela scura nel mare afoso della pianura

 
La vela scura nel mare afoso della pianura
non ha direzione altra che l’immaginazione
cemento piantato nel cemento non sente il soffio del vento
catrame e bitume sconfinano oltre il lume
non crede non cede a lune o dune
.
Nell’abbaglio del tramonto credo al movimento
lento e polveroso della macchina da trebbia
alla nube leggera di paglia come nebbia
al profilo che si staglia sul bordo della collina
nella sera profumata di natura come bambina

azzurrabianca

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/08/31/la-vela-scura-nel-mare-afoso-della-pianura/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Bellisima!
    Graziella

  2. Solo la vera natura riesce a donare emozioni e sensazioni, tutto il resto le spegne (cemento – smog e altro ancora)
    Molto bella
    Patrizia

  3. Apprezzatissima per intensità di immagini.Tinti

  4. Ondeggiate poesia bella Azzurrabianca, ciao Rosy


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: