Chella sera

Arricuordete ’e chella sera,
’e quanno ’na canzone
doce doce m’hai cantato
e ’na carezza m’hai lasciato
miezzo ’e mmane,
dint’ ’e capille.
Arricuordete,
nun me ne vaco cchiù
e sempe aspetto a te
pe’ te strappà nu vase
pe’ te putè parlà
ca niente me po’ zittì
pecchè l’ammore parla.
Parla assaje, sona meglio,
meglio ’e tutt’ ’e parole
ca saccio dicere pe’ te.
T’hann’ abbastà ll’uocchie
pe’ me capì e si nun capisci
allora azzarda e tuocca
’sta pelle mia, rosa e rossa …
risponne a fiamme e fuoco!
E’ ’na fiamma ca nun scarfa,
abbrucia pure ll’acqua
l’anema e ogne suspire
d’ ’e nuttate passate
scetata a te penzà
cu ’na smania ’e femmena,
’nnammurata,
ca scunsulata strigne ’npietto
sulo ’na poesia arrubbata
sott’a ’sta fronna ’e nuvole,
nuvole janche a spasso,
dint’ ’a ’stu cielo azzurro,
chella sera ca me vulist’ bbene.

Daniela Procida

Published in: on settembre 4, 2011 at 07:47  Comments (9)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il sole canta

dietro nubi
rimosse a tutelare
le acrobazie di maggio,
la pioggia ride
centellinando gocce
di colori
come l’arcobaleno
dietro i raggi,
cresce a vista
l’erba loquace,
lo zappatore insiste
la insegue
con la falce
per dare spazio a grano,
ma essa è troppo
fitta
a questo clima
venduto al gioco
delle inversioni.

Giuseppe Stracuzzi

…Ripartenza

Il grido crudo
dal fondo di un bicchiere
ora tracima
di mezze verità
che mi racconta il cielo

Dove osa
solo il Padreterno
lieve s’inerpica
nei ritagli del giorno
nudo e cieco il pensiero

Avrò respiro
di rara magnitudine
insuperabile
tra me e me
acrobata che sono
insospettabile

Silvano Conti

Published in: on settembre 4, 2011 at 07:39  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

PERDONARE

Il tempo di perdonare sta giusto tra i nostri errori e i nostri fallimenti

Pierluigi Ciolini

Published in: on settembre 4, 2011 at 07:36  Comments (5)  
Tags: , , ,

L’anno che verrà

Sta per giungere la mesta fine di un anno
che uguale agli altri è stato.
Nato deforme con le speranze svanite,
le promesse non mantenute,
le guerre, i soprusi, gli inganni del precedente
ha ereditato.
A lui ubriachi ed ebeti abbiamo brindato
tra sorrisi e parole, tra fuochi d’artificio
subito spenti.
Abbiamo sollevato calici colmi e subito
tracannati, infranti li abbiamo maledicendo
il morente.
Domani sarà diverso! Abbiamo gridato.
Ci siamo svegliati col fragore di bombe,
di morti bianche, di follie antiche e ripetute.
Abbiamo brindato e sognato la pace.
Ci siamo ingannati per un momento,
per lasciare alle spalle il peso del vivere,
per una notte via ogni tormento.
Per una notte, per quella notte, dimenticare
è dovere.
Al diavolo i conflitti dimenticati! È festa!
Al diavolo chi è senza lavoro, senza speranza.
Al diavolo quel bambino nato e abbandonato,
quella donna violentata, i veleni nascosti.
Al diavolo i vecchi al loro destino lasciati,
che sentano pure il rintocco della mezzanotte
soli in un letto.
Suvvia! Siamo ottimisti, almeno per una notte!
Indossiamo l’intimo rosso che toglieremo
per un momento di sesso prima di dormire
dell’alba a ridosso gonfi di spumante
e di alito fetente
È festa…
L’anno nuovo verrà con una promessa certa,
sarà come il passato,
quello che avremmo voluto morto e sotterrato.

Claudio Pompi

Morte di una stagione

Piovve tutta la notte
sulle memorie dell’estate.
Al buio uscimmo
entro un tuonare lugubre di pietre,
fermi sull’argine reggemmo lanterne
a esplorare il pericolo dei ponti.
All’alba pallidi vedemmo le rondini
sui fili fradice immote
spiare cenni arcani di partenza
e le specchiavano sulla terra
le fontane dai volti disfatti.

ANTONIA POZZI