Bologna – Strage 1980

 
 
 
Lancette lanceolate
dieci e venticinque
il mio orologio s’è fermato,
oggi non è aria qualunque
in tutti i calendari avvolti dai fiori
con la febbre una valigia abbandonata
sotto la data- giorno-mese
distese le case, la stazione
ordigno eco e pietà.
Oggi non posso raccontare, solo
memoria a ricordare chi c’era là
chi c’era dentro e fuori che
aspettava innocente un treno
per volare in scie di mare e di campagna.
C’era chi respirava luce, mentre poi
bruciava nella pelle
cadeva sul marmo e sui binari
spezzato sudario d’agonìa
e ancora io
li tengo tutti in grembo con coscienza
strana quiete senza respiro.

Aurelia Tieghi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/09/23/bologna-strage-1980/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. Cara Aurelia, un ricordo doloroso di una strage inaccettabile.
    Grande sensibilità e amore nel raccontare.
    Condivido con te il dolore di tutti.
    Graziella

  2. “Li tengo tutti in grembo”, incomparabile metafora. Per non dimenticare.
    Sandra

  3. Vale più una poesia come questa che mille presenze di ipocriti politici (che molto giustamente da un po’ di tempo, vergognadosi, non appaiono alle celebrazioni di quella drammatica giornata). Complimenti vivissimi per tutto il sentimento che hai espresso. Applausi. Piero

  4. Abbiamo ,cara ,la memoria corta,molto corta,per non pensare…grazie amica.Tinti

  5. da brividi…e non solo per il ricordo ma per i tuoi meravigliosi, toccanti versi . un abbraccio , astrofelia

  6. Una strage che ha sconvolto molti, ma la memoria è corta purtroppo e con il tempo troppi hanno cercato di celare segreti che forse avrebbero portato almeno un po’ di giustizia alle vittime e alle loro famiglie. La tua poesia è da brivido e dovrebbe essere letta da tutti, per non dimenticare mai. MAI
    Patrizia

  7. cari amici dite bene! io non potrò mai dimenticare quel boato… e nemmeno posso sopportare quel silenzio di stato che oggi fa ancora rumore… Al tempo della tragedia, ero anche in attesa di mia figlia che naque dopo pochi giorni… Un saluto affettuoso a tutti voi.
    aurelia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: