Amarti ancora?

Ti penso ancora e mi sono chiesto
perché mai dovrei da te tornare.
Lo faccio in questo freddo giorno,
uguale a quello di un anno fa.
Lo stesso freddo, la stessa pioggia,
gocce che si mischiarono a quelle
del mio pianto silenzioso.
Mi sono chiesto se avrebbe senso
dirti che ancora ti amo e dubitare
dopo un anno della mia sincerità.
Mi sono chiesto quanti ti hanno
nel frattempo amato.
Se anche ad uno o cento il tuo basta
avrai sbattuto in viso senza curarti
del dolore di un amore che come
il mio uccidesti nel suo volo.
Domande che hanno il suono ovattato
del traffico di questa città sotto
la pioggia.
Domande che il tergicristallo allontana
perché io possa vedere la via che
mi conduce sotto al tuo portone.
Percorso che conosco ancora e ricordo
metro per metro,ricordo per ricordo,
in loro la mia incertezza, i miei perché.
Non scenderò… oppure lo farò,
tu, dietro il vetro su cui la pioggia
disegna incerti percorsi che si perdono
in altri ugualmente incerti.
Aspetti che io alla tua porta suoni
o infili la chiave che nel fiume gettai
insieme al tuo addio, ai nostri giorni
improvvisamente inutili.
L’ultima domanda la pongo al mio cuore,
a lui chiedo se vale la pena salire
e ricominciare una storia finita.

Claudio Pompi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/10/02/amarti-ancora/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Quante domande ti ponevi e ponevi al mondo ,tu mi facevi luce e ora mi manca…tinti

  2. L’ho letta e riletta più volte. Quante domande ci poniamo e purtroppo a quante di queste non riusciamo a trovare risposta…
    Mi ha donato tanto questa poesia, mi ci sono rispecchiata in tantissimi particolari
    Grazie, Patrizia

  3. Belle le poesie di Claudio, soffuse di dolcezze, di incertezze e di sofferenza, questa é coinvolgente perché l’amore lascia sempre di queste sensazioni.
    Giuseppe

  4. Uno snodarsi di riflessioni contrastanti, di ricordi dolci e amari, un percorso d’amore che si vorrebbe ricominciare, un’incertezza che s’affaccia subdola, perché il dubbio è già desiderio di riprovare.
    E’ una poesia specchio di ogni anima che abbia amato, nella quale il lettore si riconosce emotivamente coinvolto.
    Stupenda. Grazie di averla condivisa.
    Elide

  5. Credo che ora amerai in eterno.

    Paolo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: