Campane

Lenti rintocchi di campane che nella valle
scendono e mai sopiti dolori risvegliano.
Della silenziosa quiete rompono il respiro
e natura al loro suono ferma il suo corso.
Suono di richiamo a quel Dio dimenticato
per le anime inquiete di civiltà intrise,
di riflessione che valica i confini della mente
per farci tornare ad esser uomini veri
e non piccoli universi senza luce.
Aspetto tutti i loro rintocchi con occhi
chiusi per vedere dentro me stesso.
Respira l’anima mia e nuova vita trova
in quei suoni che scendono e vibrano
nel cuore che mai m’accorsi esser stanco.
L’eco del suono dell’ultimo rintocco
ancor percorre la silenziosa valle,
nell’universo si allontanano.
Riapro gli occhi e nuova luce entra.
Spero sia traccia di Dio che mai
dai suoi occhi mi perse

Claudio Pompi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/10/21/campane/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. anche nelle descrizioni Claudio sei unico!La suggestione è grande!
    Tinti

  2. mi piace questa definizione degli uomini “piccoli universi senza luce.”
    giuseppe

  3. Campane che vibrano di grande emozione
    Patrizia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: