Accade

 
Apprezziamo le piccole cose
quando non ci perdiamo
nei gorghi mostruosi delle chimere.
Abbiamo voglia di placide notti
viviamo giorni inquieti, difficili.
Cerchiamo di ridere
quando gli altri ci spingono
nei cortei di tristezza annunciata.
Godiamo alla vista
del timido, meraviglioso pettirosso
e non serve far scongiuri
se ci attraversa un innocuo gatto nero.
Accade ciò che deve accadere.
Accade ciò che vogliamo che accada.

Roberta Bagnoli

Published in: on ottobre 22, 2011 at 07:33  Comments (11)  
Tags: , , , , , , , , ,

Matera

 
Inconsunte memorie
sgorgan da nere bocche
spalancate nel sole
sopra bianchi sudari
dove popoli stanchi
consumaron tra sassi
l’inclemente destino.
Son le orme dei padri
che guidano i miei passi
fra gl’incolti terrazzi
e sulle soglie che
odorano di muffa.
Eppure non fu facile
estirpare le radici
per comode dimore;
più forte è quest’amore
e senza pace
è il richiamo che gli avi 
han consegnato al vento.
il presente e il passato
si confondono,
mentre avvincono i sensi
bucoliche armonie.

Viviana Santandrea

La giovinezza

“Forse la giovinezza è solo questo perenne amare i sensi e non pentirsi”

SANDRO PENNA

Published in: on ottobre 22, 2011 at 07:11  Comments (5)  
Tags: , ,

Se

 
Se riuscissi ad afferrare la luna
o almeno a sfiorare il suo volto
così da sentire più da vicino
il mite respiro che slaccia la notte,
l’antico segreto che arma i poeti,
la vibrazione d’eterno e infinito,
quel freddo da mille stelle falsato
prima che viri al caldo del cuore;
.
se fossi per una volta capace
di farmi vago in abisso incolore,
fluttuare tra il plancton di un mare
poco azzurrato dai miei sorrisi,
rifugio caro nell’ora a declino
com’è la pretesa dell’uomo perso
che nell’amore il porto non trova
ed acqua e sale in zucchero muta;
.
se credibile ciò fosse appena,
darei inizio al ripristino nuovo,
all’essere in corsa per un riscatto
d’eroe illuso nel tempo che vola.
Mi stanno a guardare, il mare e la luna,
e forse ridono di me, del sogno
che come nuvola al sole si sfila
o come onda sullo scoglio s’infrange.

Aurelio Zucchi

Ndr: questa poesia ha ottenuto il 2° posto assoluto in classifica, per le poesie inedite, nel concorso letterario “L’integrazione culturale per un mondo migliore” indetto dalla CEAC- Centro Ecuadoriano di Cultura in Milano-

A te che stai nascendo…

 
…in questo mondo di favole smarrite
quale ninna nanna ti potrà salvare
dal rumore di un odio che stride
con l’amore che ti sarà tepida culla?
In questo  mondo senza poesia   
dove non necessita la fiaba
per raccontare di famelici lupi
che divorano i deboli indifesi.
La cattiveria ora a te ignota
elude l’amore per il fratello                                 
Crescendo sarai disorientato
da un azzurro tingersi di sangue
e non saranno le fate a sopperire
al tuo giusto sdegno per l’orrore.
Io ti vorrei salvare dall’insorgere
di brama a rivendicar giustizia.
Riempi presto l’anima e la mente
di solo due parole
che sono dei miracoli la genesi:
perdono e amore.
Non ti chiedere perché: ama!
Non chiederti se è giusto: perdona!
Altra via da percorrere non c’è
affinché il tuo respiro sia di pace
che non si conquista con la spada
ma solo rivestendosi dei panni
di chi odiar vorresti e capirai che
è l’amore che nel mondo manca
e perdonando te ne arricchirai.

Elide Colombo

Ndr: questa poesia ha ottenuto il 3° posto assoluto in classifica, per le poesie inedite, nel concorso letterario “L’integrazione culturale per un mondo migliore” indetto dalla CEAC- Centro Ecuadoriano di Cultura in Milano-

Aurelio ed Elide poeti per un mondo migliore!

Amici cantieristi, ho il piacere di proporvi un estratto dalla comunicazione ufficiale del premio di poesia “L’integrazione culturale per un mondo migliore” che verrà consegnato a Milano il prossimo 29/10, organizzato dal Consolato Generale dell’Ecuador. Indovinate  un po’ chi c’è tra i premiati?

§

Il Consolato Generale dell’Ecuador a Milano e l’Organizzazione del Premio Letterario Internazionale di Poesia e Narrativa
“L’Integrazione Culturale per un Mondo Migliore”

(…)

L’Integrazione e promozione socio-culturale dell’Ecuador nel mondo, sono il nostro costante e appassionato progetto, e abbiamo voluto partire da Milano da sempre protagonista della grande cultura letteraria universale, e manna squisito dell’immigrazione internazionale, testimoniando che la stessa, dà corpo a una realtà contemporanea, che varca le frontiere, fondendosi con lo spirito di ogni paese, di ogni storia, civile o artistica. Questo premio è nato dalla responsabilità civica come cittadini immigrati, nel dimostrare al mondo che si può vivere in una società “diversa” alla nostra e farne parte in tutti i sensi della vita, partendo dal io più intimo, e non solo come forza lavoro, e abbiamo utilizzato uno dei maggiori mezzi espressivi, “la letteratura” come linguaggio universale nel quale si avvertono i ritocchi della riflessione e si sintetizza la capacità di esprimere quanto si prova. La filosofia che Il Centro Ecuadoriano de Arte y Cultura a Milano promuove, è la pace, la fratellanza e l’integrazione delle culture, come risorsa per lo sviluppo di un mondo migliore. Da tale raziocinio nasce questo premio e invita alla partecipazione aperta a tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, religione e razza. Ci teniamo a precisare che il premio è senza fini di lucro, ed il costo del medesimo, viene autofinanziato grazie alla collaborazione degli sponsor, che sostengono l’integrazione culturale, e del contributo per spese di segretaria. Con le molteplici amicizie che conta e sostengono le iniziative del CEACM, Centro Ecuadoriano de Arte y Cultura a Milano, abbiamo composto una giuria di pregio, così composta: Presidente del premio è Guáman Allende che coordinerà i lavori della giuria presieduta dalla Prof.ssa Ninnj di Stefano Busà e dai membri: Dr. Corrado Calabrò, Prof. Alessandro Quasimodo, Dr. Franco Loi, Prof. Angelo Gaccione, Dr. Rodolfo Vettorello, Don Alessandro Vavassori, Prof. Haidar Hafez, Prof. Gino Masciarelli, Prof.ssa Lorenza Franco, Dr. Ricardo Patiño Ministro di Relazioni estere dell’Ecuador.
Il Consolato Generale dell’Ecuador a Milano e il comitato organizzatore del premio sono lieti di ringraziare a tutti coloro che hanno fatto possibile la realizzazione di questo prestigioso premio, alla Provincia di Milano, Enrico Beruschi, agli ospite d’onore Dr. Maurizio Cucchi e Prof.ssa Donatella Bisutti, a ogni membro della giuria, alla presentatrice Laura Moruzzi, e a tutti i concorrenti per il buon valore letterario delle opere pervenute, con l’invito a partecipare alla prossima edizione “L’Integrazione Culturale Attraverso La Letteratura” che dovuto alle richieste dei partecipanti terrà in conto anche i libri per bambini, e conterà con una giuria di pregio esperti della letteratura e sarà ricco di premi. (…)
E’ con immenso onore che questa giuria dichiara madrina della edizione 2011 del Premio letterario Internazionale “L’integrazione Culturale per un Mondo Migliore” La Dr.ssa Narcisa Soria Valencia (Console Generale dell’Ecuador a Milano).
E dopo un approfondito analisi di lettura di tutte le opere pervenute, la giuria ha stabilito vincitori assoluti della edizione 2011 del Premio Letterario Internazionale “L’integrazione Culturale per un Mondo Migliore” le opere dei seguenti scrittori:

(…)

Sezione “A” Poesie singole Inedite.
1° Premio a Campegiani Franco con. “Nel segreto degli abissi”
2° Premio a Zucchi Aurelio, con. “Se”
3° Premio a Colombo Elide, con. “A te che stai nascendo”

(…)

§

Beh, oggi il nostro Cantiere ha fatto man bassa nel medagliere dell’olimpiade poetica di Milano… E’ un vero onore ed una grande gioia per noi complimentarci con i nostri due amici che danno tanto lustro al nostro sito! Ma adesso ascoltiamo in silenzio… gli inni nazionali e soprattutto leggiamo le poesie vincitrici dei nostri due valorosi poeti, in ordine di podio!

Il Cantiere