Nell’ottobre che pigro si dilegua

Nell’ottobre che pigro si dilegua,
assente è il preludio dell’inverno
e sono sereno, a guardia d’un sole
inflessibile sull’incerto autunno.

Svilendo un po’ il freddo Generale,
distratta è la mia inquietudine
come vista dentro il campo di grano,
incurante delle spighe claudicanti.

Aurelio Zucchi

Published in: on ottobre 29, 2011 at 07:31  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/10/29/nellottobre-che-pigro-si-dilegua/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. vivi ,nel tuo poetare ,in un mondo che dà suono e luce.Grazie .Tinti

  2. Una serenità che avvolge ogni parola di questa bellissima poesia
    Pat

  3. un autunno che non desta preoccupazione, mi pare, insieme al ricordo dell’astate; bellime quelle spighe “claudicanti”.
    Sandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: