Eppure…

 
Metterò le tue mani sul mio viso
mi riconoscerai dalle rughe
dai sorrisi mancati ,
poi mi guarderai come capitando per caso
in viaggio tra le lacrime e i sospiri
chissà se ti fermerai
raccogliendo il guanto di una sfida
che è la vita in due
in una vita sola,
e non è facile capire,
non è mai quello che si sogna
che si ritrova
aprendo gli occhi al mattino:
eppure ti vorrei lacrima o sorriso-

Maria Attanasio

Published in: on ottobre 30, 2011 at 06:52  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/10/30/eppure-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. E’ quella chiusa sublime che lascia senza fiato.Ciao cuore.Tinti

  2. “raccogliendo il guanto di una sfida
    che è la vita in due”
    Questi due versi dicono tanto!

    Giuseppe

  3. Concordo con Tinti sulla chiusa, ma ovvio che tutta la poesia è bellissima.
    Sandra

  4. Una poesia bellissima, molto toccante soprattutto nella parte finale quando si mette in evidenza che la vita a due non è mai in effetti quello che veramente si sogna, ma è una sfida che si può combattere.
    Molto intensa, grazie
    Patrizia

  5. Condivido i commenti apposti. La chiusa è molto intensa.
    Brava Maria!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: