Ora

assassinando il sonno
mi perdo nei vortici
assurdi del tempo.

Rincorrermi dietro
e ritrovarmi
spesso
avanti
nel mare cupo
che prelude il giorno.

Ed è così solo
il sogno
così segreto…
il segno.

Silvano Conti

Published in: on novembre 1, 2011 at 07:39  Comments (2)  
Tags: , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/11/01/ora-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. La chiusa è da interpretare ma il suono avvince.tinti

  2. Un sogno che è stato praticamente premonitore di quanto poi si è vissuto. Io l’ho letta così.
    Patrizia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: