Delitto di paese

L’ASSASSINAT

C’est pas seulement à Paris
Que le crime fleurit
Nous, au village, aussi, l’on a
De beaux assassinats

Il avait la tête chenue
Et le cœur ingénu
Il eut un retour de printemps
Pour une de vingt ans

Mais la chair fraîch’, la tendre chair
Mon vieux, ça coûte cher
Au bout de cinq à six baisers
Son or fut épuisé

Quand sa menotte elle a tendue
Triste, il a répondu
Qu’il était pauvre comme Job
Elle a remis sa rob’

Elle alla quérir son coquin
Qu’avait l’appât du gain
Sont revenus chez le grigou
Faire un bien mauvais coup

Et pendant qu’il le lui tenait
Elle l’assassinait
On dit que, quand il expira
La langue ell’ lui montra

Mirent tout sens dessus dessous
Trouvèrent pas un sou
Mais des lettres de créanciers
Mais des saisies d’huissiers

Alors, prise d’un vrai remords
Elle eut chagrin du mort
Et, sur lui, tombant à genoux,
Ell’ dit : ” Pardonne-nous ! ”

Quand les gendarm’s sont arrivés
En pleurs ils l’ont trouvée
C’est une larme au fond des yeux
Qui lui valut les cieux

Et le matin qu’on la pendit
Ell’ fut en paradis
Certains dévots, depuis ce temps
Sont un peu mécontents

C’est pas seulement à Paris
Que le crime fleurit
Nous, au village, aussi, l’on

GEORGES BRASSENS

§

Non tutti nella capitale

sbocciano i fiori del male,

qualche assassinio senza pretese

lo abbiamo anche noi in paese.

Qualche assassinio senza pretese

lo abbiamo anche noi qui in paese.

Aveva il capo tutto bianco

ma il cuore non ancor stanco

gli ritornò a battere in fretta

per una giovinetta.

Gli ritornò a battere in fretta

per una giovinetta.

Ma la sua voglia troppo viva

subito gli esauriva,

in quattro baci e una carezza

l’ultima giovinezza.

In quattro baci e una carezza

l’ultima giovinezza.

Quando la mano lei gli tese

triste lui le rispose,

d’essere povero in bolletta

lei si rivestì in fretta.

D’essere povero in bolletta

lei si rivestì in fretta.

E andò a cercare il suo compagno

partecipe del guadagno

e ritornò col protettore

dal vecchio truffatore.

E ritornò col protettore

dal vecchio truffatore.

Mentre lui fermo lo teneva

sei volte lo accoltellava

dicon che quando lui spirò

la lingua lei gli mostrò.

Dicon che quando lui spirò

la lingua lei gli mostrò.

Misero tutto sotto sopra

senza trovare un soldo

ma solo un mucchio di cambiali

e di atti giudiziari.

Ma solo un mucchio di cambiali

e di atti giudiziari.

Allora presi dallo sconforto

e dal rimpianto del morto,

si inginocchiaron sul poveruomo

chiedendogli perdono.

Si inginocchiaron sul poveruomo

chiedendogli perdono.

Quando i gendarmi sono entrati

piangenti li han trovati

fu qualche lacrima sul viso

a dargli il paradiso.

Fu qualche lacrima sul viso

a dargli il paradiso.

E quando furono impiccati

volarono fra i beati

qualche beghino di questo fatto

fu poco soddisfatto.

Qualche beghino di questo fatto

fu poco soddisfatto.

Non tutti nella capitale

sbocciano i fiori del male,

qualche assassinio senza pretese

lo abbiamo anche noi in paese.

Qualche assassinio senza pretese

lo abbiamo anche noi qui in paese.

FABRIZIO DE ANDRÉ

 

L’amore degli altri

 
L’amore degli altri
briciole di pane
fiere e mercatini d’estate
lungo il mare
l’aria che non si muove
la brezza che poi arriva
a farti respirare.
L’amore degli altri
chiese in mezzo ai boschi
gli alberi a testimoniare
l’unione eterna
di radici e terra.
L’amore degli altri
non lo puoi inventare
ci fai un buco dentro
e dall’altra parte
non si vede né cielo
né mare.
L’amore che non compri
non hai mezzi, non hai intenti
e speri di beccare un cuore
in volo anche da rammendare.

Maria Attanasio

Published in: on novembre 9, 2011 at 07:06  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Piume in volo

 
Sfidando il tempo volano le mani
come di piuma staccata in volo
a sfiorare leggere i tuoi capelli
e dirti che sono lì, oltre il domani.
Pronte e protese, guanto d’amore,
a proteggere dalla grandine il tuo capo
facendo scudo fin che torna il sole
o stelle in cielo e lucciole nel campo.
Amore dal cuore di candido giglio
che la vita a me t’ha donato
ti avvolgo nel mio mantello di piume
per volare con te oltre  ogni male.

Elide Colombo

Published in: on novembre 9, 2011 at 07:05  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Dove andare?

 
Dove andare
quando gli occhi
abbacinati dal grumo
di sangue e dolore
non ce la fanno
a squarciare l’oscurità?
Lascerò che le parole
volino da sole in alto
percepiscono meglio di me
il sentiero della verità,
forse conosceranno versi di luce
o forse svaniranno come bolle colorate.
Ancora non vedo l’orizzonte
dietro la stupenda curva,
non posso fare altro che vivere
nell’attesa di nuovi e migliori giorni
sospesi nel letto di sospirata quiete.

Roberta Bagnoli

Published in: on novembre 9, 2011 at 06:57  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mio padre scriveva sulla terra l’Eterno con le rose

scrivo da sempre e nulla ho scritto
che una sola poesia incompiuta.
cercando di imitare le mani di mio padre
che sapevano di vita e facevano germogliare
ogni cosa che sfioravano.

mio padre scriveva sulla terra l’Eterno con le rose
                                                           era un Poeta d’amore.

Anileda Xeka

Published in: on novembre 9, 2011 at 06:51  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , ,