Fermenti di-vini

 
Nell’otre silenzioso
si pigia semplice mosto
sapore agrodolce
d’anima passa,
resta indelebile
l’idea come orma
di piede e mano
tutt’uno
a tracciare muti
arabeschi lucenti,
a indicare sentieri smarriti.
Noi, corpo indivisibile
di singoli e solitari poeti,
camminiamo per strade
di-versi
tutti appagati
e rischiarati da quei
benedetti
per alcuni dalla sorte
maledetti
fermenti di-vini.

Roberta Bagnoli

Published in: on novembre 28, 2011 at 07:22  Comments (19)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/11/28/fermenti-di-vini/trackback/

RSS feed for comments on this post.

19 commentiLascia un commento

  1. Dolce meraviglia questi versi, Roberta. Grazie come sempre
    Kinita

    • Cara Kinita che piacere ritrovarti, spero di leggerti a breve, grazie di cuore, un abbraccio.
      Roberta

  2. Cara Roberta,
    bei giochi di parole: noi poeti indivisibili anche se seguiamo sentieri diversi, abbiamo fermenti divini.
    Probabilmente ti ha ispirato il dipinto del
    “Cristo nel pressorio da vino (c,a. 1500)”
    Saluti affettuosi, Paolo.

    • Caro Paolo sinceramente questa poesia è nata così sull’onda del momento, forse in noi c’è molto di atavico nascosto, recessi d’amore e quant’altro che a volte neanche noi riusciamo bene a comprendere. Comunque quello che tu dici è altrettanto vero, il vino è simbolo del sangue e questa poesia fra l’altro ha partecipato proprio ad un concorso sul tema del vino ed ha avuto un buon riconoscimento, si è classificata al 4 posto. Grazie sempre per i tuoi approfonditi commenti, un abbraccio con affetto.
      Roberta

  3. P.S.: E’ solo un commento (perché io ho altre idee sulla divinità che é Il Primo Creatore dell’universo degli universi), tuttavia dall’osservazione di una particolare tipologia di miniature religiose tedesche tipiche del XV secolo raffiguranti Cristo crocifisso e sanguinante nell’atto della pigiatura, traspare una sacralità tale che da sola potrebbe già spiegare l’inscindibilità del connubio tra frati e vino.
    Il sangue che rappresenta la vita si mescola al vino nell’estremo sacrificio; è il dono più grande offerto agli uomini attraverso il sacramento dell’Eucaristia.
    Paolo.

  4. Fermenti ed emozioni racchiuse in versi molto eleganti e particolari.
    Bellissima. Ciao, Patrizia

    • Grazie cara Patrizia, sono felice di aver trasmesso emozioni. Un saluto affettuoso.
      Roberta

  5. Cara Roberta, Una bellissima poesia. Sinceri complimenti.
    Grazie carissima.
    Un abbraccio
    Graziella

    • Cara Graziella grazie, le tue parole mi riempiono di gioia. Un abbraccio affettuoso, a presto.
      Roberta

  6. Uniti seppur seguendo cammini diversi…così la intendo ,cara.Siamo sulla stessa lunghezza d’onda .Grazie per tale perla.Tinti

    • Sì cara amica siamo sempre unite e sulla stessa lunghezza…d’onda e di cuore. Ciao Tintina un abbraccio grande, grande, a presto.
      Roberta

  7. Ma questo fermento divi-no ci aiuta, come sembra, a calpestare il mosto dei nostri pensieri, ricavandone esalazioni profumate che sanno
    di vita, di sentimenti, di emozioni, come i tuoi versi.
    Ciao Roberta
    Gavino

    • Sì carissimo è proprio così, questi fermenti permeano tutta la nostra vita, sono il succo della nostra stessa anima. Grazie di cuore Gavino, un abbraccio.
      Roberta

  8. cara Roberta
    le tue poesie mi lasciano ad ammirarti in cerca di parole belle, parlano di-vino e sono di-versi
    non so dire altro, solo mandarti un caro abbraccio
    Giuseppe

    • Caro Giuseppe le tue parole sono belle e calde come il tuo abbraccio. Grazie di cuore, anche a te un abbraccio grande.
      Roberta

  9. Fermenti di-vini ed odore del mosto, sprizzano da questa bella e suggestiva poesia densa di forti immagini. Complimenti Roberta, è un piacere leggerti ed emozionarsi. Piero

    • Caro Piero grazie di cuore, le tue parole mi rendono felice.Un saluto affettuoso.
      Roberta

  10. Leggo in questa poesia un messaggio di-vino, volto “a indicare sentieri smarriti.”
    Metafore che conducono il poeta a camminare per strade di-verse, ma sempre di-vine.
    Brava Roberta!

    Maristella

    • Grazie di cuore cara Maristella, hai colto il senso della poesia. Un abbraccio affettuoso.
      Roberta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: