Il tuo sorriso

sorriso-donna-5574bntagl

TU RISA

Quítame el pan, si quieres,

quítame el aire, pero

no me quites tu risa.

No me quites la rosa,

la lanza que desgranas,

el agua que de pronto

estalla en tu alegría,

la repentina ola

de plata que te nace.

Mi lucha es dura y vuelvo

con los ojos cansados

a veces de haber visto

la tierra que no cambia,

pero al entrar tu risa

sube al cielo buscándome

y abre pa mí todas

las puertas de la vida.

Amor mío, en la hora

máss oscura desgrana

tu risa, y si de pronto

ves que mi sangre mancha

las piedras de la calle,

ríe, porque tu risa

será para mis manos

como una espada fresca.

Junto al mar en otoño,

tu risa debe alzar

su cascada de espuma,

y en primavera, amor,

quiero tu risa como

la flor que yo esperaba,

la flor azul, la rosa

de mi patria sonora.

Ríete de la noche,

del día, de la luna,

ríete de las calles

torcidas de la isla,

ríete de este torpe

muchacho que te quiere,

pero cuando yo abro

los ojos y los cierro,

cuando mis pasos van,

cuando vuelven mis pasos,

niégame el pan, el aire,

la luz, la primavera,

pero tu risa nunca

porque me moriría.

 §

Toglimi il pane, se vuoi,

toglimi l’ aria, ma

non togliermi il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,

la lancia che sgrani,

l’acqua che d’ improvviso

scoppia nella tua gioia,

la repentina onda

d’argento che ti nasce.

Dura è la mia lotta e torno

con gli occhi stanchi,

a volte, d’ aver visto

la terra che non cambia,

ma entrando il tuo sorriso

sale al cielo cercandomi

ed apre per me tutte

le porte della vita.

Amore mio, nell’ ora

più oscura sgrana

il tuo sorriso, e se d’ improvviso

vedi che il mio sangue macchia

le pietre della strada,

ridi, perché il tuo riso

sarà per le mie mani

come una spada fresca.

Vicino al mare, d’autunno,

il tuo riso deve innalzare

la sua cascata di spuma,

e in primavera, amore,

voglio il tuo riso come

il fiore che attendevo,

il fiore azzurro, la rosa

della mia patria sonora.

Riditela della notte,

del giorno, delle strade

contorte dell’isola,

riditela di questo rozzo

ragazzo che ti ama,

ma quando apro gli occhi

e quando li richiudo,

quando i miei passi vanno,

quando tornano i miei passi,

negami il pane, l’aria,

la luce, la primavera,

ma il tuo sorriso mai,

perché io ne morrei.

 

PABLO NERUDA

Tempi moderni

E’ tutto un tecnological/robottare
schiacciare, denigrare
spalmarsi al raso/terra mobile
di risucchio rabbioso, invidioso
innaturale

martellate pubblicizzate
dall’ammasso della massa
ingrovigliata alla passione
d’asessuato pudore
barbarico

Spremendo, pestando
acini acerbi
il succo abita
nel surreale
uomo
fingendo d’essere
uomo
l’amore
svenduto
all’odio
e la speranza
s’illude di morire

Finzion di vita sperperata
nell’indifferenza del misero tempo
già trascorso
(noi)
in prestito al boccone venale
nella calda copertura della burla
cucite addosso dalle gocce d’elisir morenti.

Glò

Fugaci passeggeri

Nell’aria di festa
riaffiora letizia
lieve è la scala
che termine pone
all’ultimo gradino

mentre……
percorro pensieri
spezzando secondi

aspetto di passare
l’uno dopo l’altro
attraverso i tuoi
baci passeggeri

Pierluigi Ciolini

Published in: on dicembre 7, 2011 at 07:30  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , ,

Nel mio ieri

Mai percorsi
luce diurna
riguardosa
di fobico sguardo,
mai freddo acuto
provai
inadeguato
a gelarmi.
Occasionali
le miti blandizie,
raro,
il lieve sfiorarmi
del buio insolente.

Daniela Procida

Published in: on dicembre 7, 2011 at 07:27  Comments (4)  
Tags: , , , , ,

Forse

 
In un luogo indefinito
o forse sotto i nostri
ciechi occhi si nasconde
il sentiero difficile della verità.
Forse nella leggerezza della nuvola
riposa il soffio eterno della vita.
Forse ad ascoltare bene,
proprio in quest’istante
sta bussando alla porta
la mano forte e chiara
della semplice,
calda speranza.

Roberta Bagnoli

Published in: on dicembre 7, 2011 at 07:21  Comments (16)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Troppa realtà

“Il genere umano non può sopportare troppa realtà”

THOMAS STEARNS ELIOT

Published in: on dicembre 7, 2011 at 06:57  Comments (2)  
Tags: , ,