Soli nascosti

All’ombra
del mio sicomoro
rivolto
le zolle deluse,
per farle
baciare dal cielo
e inondarle
di spore novelle.
Taglio le unghie
alle piante
per renderle
più rigogliose,
estirpo
le erbe maligne
che levano linfa
al mio prato.
Coltivo radici
e germogli
riscoprono
il sole di marzo,
all’ombra
del mio sicomoro.

Flavio Zago

Published in: on dicembre 12, 2011 at 07:31  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/12/12/soli-nascosti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Splendida! Complimenti!
    Graziella

  2. Un bel quadretto sciolto e significativo in metafora,
    “rivolto
    le zolle deluse,
    per farle
    baciare dal cielo”
    le zolle della nostra terra sono veramente molto deluse, necessitano di essere rivotate
    ciao
    Giuseppe

  3. Anche a me hanno colpito “le zolle deluse” e concordo con Giuseppe, oggi sono troppe le zolle dimenticate e tradite, troppe da rivoltare…auguriamoci che non si trasformino in terre aride. Grazie Caro Flavio, un abbraccio di pace e sinceri Auguri di Buone Feste.
    Roberta

  4. Un sicomoro che è un inno alla rinascita, che io leggo anche come rinascita personale associata a quella della pianta.
    Bellissima
    Patrizia

  5. Concordo pienamente con Patrizia; vedo nel sicomoro la metafora della vita. Poesia molto bella.
    Sandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: