Abbazia di San Galgano

Riposare mente e corpo
poter fare a meno
di sperare nella sorte
alzare gli occhi al cielo
tra gli archi e le colonne
di questo monastero
senza che l’anima debba chiedersi
se ciò che sente è vero.

E nei muri macchiati dal tempo
nei silenzi profondi
racchiusi in queste pareti di pietra
ritrovo qualcosa di perduto
o forse, meglio dire,
che non ho mai avuto
in tutta la mia vita

Nelle porte di legno massiccio
intrise di passato
nella luce tremolante
delle candele accese
nel profumo d’incenso
che mi pervade inebriante
ascolto sereno il tempo passare

Senza che nessuna paura
mi devasti la mente
o che un umano bisogno
ne alteri il pensiero
sono giunto fino a qui
seduto su questa panca
e come dalla cima di un monte
contemplo il mondo intero.

Sandro Orlandi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2011/12/29/abbazia-di-galgano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

13 commentiLascia un commento

  1. …senza che l’anima debba chiedersi se ciò che sente è vero…ecco, non dico altro.Tinti

  2. E’ bellissima. Ho letto più volte questa tua poesia
    e ho sognato la pace serafica del monastero, la solitudine dell’eremita, la vicinanza al Primo Creatore.
    Grazie Sandro per la trasmissione che ci hai donato.
    Dall’Abbazia di San Galgano, ad Assisi sono tutti luoghi
    Santi per la meditazione dei nostri peccati.
    Quello che sente l’anima è vero, mentre si estrapola
    completamente dal corpo. Neanche nostro.
    Cari saluti, Paolo.

  3. Una poesia dall’atmosfera mistica in cui, ognuno di noi, desidera immergersi.
    Bravo Sandro!

    Maristella

  4. Grazie a tutti voi. Caro Paolo, nel ringraziarti vorrei anche aggiungere che il mio era un moto dell’anima di non credente, quindi finalizzato a… niente altro che questo.
    Sandro

    • Anch’io sono un non credente di alcuna religione esistente su questo granellino (considerato dal macro: gluone o ancòra più piccolo: particella – guardacaso – di dio – ) che viene chiamato Terra.
      Tutte religioni regionali. Tuttavia credo, e ne
      sono sicuro, nella Religione Infinita al di fuori
      di tutti gli universi degli universi INFINITI: nel
      Primo Creatore di noi umani (che siamo contenitori di battèri per vivere) e degli altri fratelli di
      altri pianeti (rappresentanti del male o del bene)
      o, come noi, NON ANTROPOCENTRICI, che siamo entrambi.
      Detto questo (anche l’Ateismo è una religione) guardiamoci dai falsi profeti: noi fummo creati a immagine e somiglianza del Primo Creatore ma non nel corpo ma nell’etereità dell’Essnza…ma, se non si crede nell’anima è inutiltile che perdiamo tempo…
      Paolo.

      • Errata corrige(perchè non vedevo ciò che scrivevo):
        Essenza (non Essnza); inutile (non inutiltile).

        P.S. Tuo stralcio (…) di questo monastero/
        senza che l’anima debba chiedersi/se ciò che sente è vero.”
        Che cosa devi chiedere alla “tua” anima, se sei ateo.
        Gli Animali potrebbero avere un’anima? O, perlomeno, una coscienza (sognano, comunicano tra loro)?
        La Flora (gli alberi – e il resto – comunicano tra loro)? Che cosa mi dici della diversità delle razze:
        ibridi, esperimenti con (“procreati”) alieni?
        Lasciamo perdere, scusami, ti lascio a queste (stupide?) domande delle quali conosco le risposte.
        P.

  5. Quanti commenti e te li meriti tutti! L’esigenza di spiritualità è insita nell’uomo.
    Sandra

  6. Caro Sandro, mi associo a Maristella.
    Una atmosfera mistica dove immeggersi.
    Bellissima!
    Graziella

  7. Non l’ho mai vista, se non in foto, ma le tue parole creano un’atmosfera alla quale è difficile sottrarsi, è come trovarvisi all’interno
    Bellissimissima
    Patrizia

  8. Ehi! Vi siete scatenati tutti! Grazie della condivisione. Sì è vero la spiritualità è insita nell’uomo e, per chi non mi conosce, in questo periodo della mia vita spesso mi capita di”sentire” qualcosa che mi stimola a riflettere e a chiedermi…
    Sandro

  9. questi momenti che si vivono, al di fuori di noi perchè si allarga la coscienza, e all’interno perchè siamo nell’intimo più profondo
    “e come dalla cima di un monte contemplo il mondo intero”
    hai reso molto bne quello che si prova, grazie per avermelo rammentato questo senso del mondo e del divino, ed un caro augurio di buon anno nuovo! azzurrabianca

    • Auguri anche a te e grazie!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: