Una visita

“ Si accomodi, Signora…
cosa posso fare per lei?”
“ Si rilassi, noi ci conosciamo già!”
“Davvero?? E’ sicura? Io non direi…”

“Ma sì, non ti ricordi?
…l’anno scorso, a Macerata?”
“A Macerata? Ma son finito all’ospedale…”
“Appunto! Io ero con te nella camerata.”

“Impossibile! Io ero tutto rotto,
ma non c’erano donne in corsia,
di questo ne son sicuro
proprio come della vita mia!”

“Ecco, appunto! Era di questo
di cui volevo parlarti adesso….”
“ Mi scusi ma se è per l’assicurazione
l’ho già fatta, mica son fesso!”

“ No, veramente sarei venuta…
per saldare il tuo conto…”
“Come? Non ho debiti in giro,
ci sto attento, mica son tonto!”

“Ma insomma, lasciami dire:
son venuta per il tuo viaggio,
quello di sola andata….
Ma sì, il decollo senza l’atterraggio!”

“Ma cosa dice? Io volare?
Ma nemmeno l’ascensore in vita mia
ho mai preso, si figuri…
soffro di claustrofobia!”

“Insomma tu non vuoi capire!
Io son la Morte, caro mio,
e sono qui per annunciarti
che a questa vita devi dire addio.

“Come?? Aspetti un momento,
chiamo mia moglie, sa io stavo andando….
Maria vieni per favore…” “ Caro che c’è?”
“Senti la Signora, dice che ti sta cercando!”

Anna Maria Guerrieri

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/01/08/una-visita/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. E brava Kicca che tocca in modo garbato e ironico uno scottante argomento!tinti

  2. Geniale!!!

  3. Ironico duetto con la morte. mi hai richiamato alla mente un mio testo sulla morte, tu Maria hai saputo trarre il lato ironico, mentre io non ci sono riuscita e ho sritto palese ogni minuto di quella notte indimenticabbile. la manderò a Massimo così la pubblica, è stata pubblicata anche su ” Associazione culturale lo specchio di alice a Bologna nel 2007″ un abbraccio Rosy

    • Una B in più, scusate

  4. Scusate è un cosa “giovanile”, ora ,forse, sarei più seria…….o forse no!?
    Ma sì impariamo da Totò a sdrammatizzare la vita….e anche la morte! Tanto non possiamo cambiare il nostro destino.Un abbraccio e un sorriso a tutti.
    k

  5. Un vero portento come hai saputo ironizzare sulla morte. Forse dovremmo imparare a farlo di più, visto che non si può cambiare ciò che aspetta ognuno di noi.
    Bravissima
    Patrizia

  6. Sconvolgente!
    Sandra


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: