Perderti ancora…

 
Passano i giorni passano
Ed i capelli mi si imbiancano
Come le montagne d’inverno
E mi illudo di cambiare colori
Ma passano i giorni passano
Ed io qui a chiedermi
Che senso ha tutto questo
Se devo perderti ancora.
Piove s’allagano i campi
C’è sole e mi si sciolgono i sogni
E devo perderti ancora
Ogni giorno nei minuti di ogni ora
Devo perderti ancora.
 Quale chimica
Potrà mai calmare questo dolore
Se devo perderti ancora.
Quante risate finiscono in pianto
E vivo ancora
Mi innamoro della stessa persona
Ma devo perderti ancora
E perdo tutte le battaglie
Pur di finire una guerra
Ma devo perderti ancora
Senza fuggire mai da questo dolore
Perché fino all’ultimo istante
Ti perderò ancora.

Maria Attanasio

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/01/17/perderti-ancora/trackback/

RSS feed for comments on this post.

12 commentiLascia un commento

  1. forse sta nel capire ed accettare il distacco, il segreto per sopravvivere ancora

    struggente Maria

  2. Ma devo perderti ancora/Senza fuggire mai da questo dolore/Perché fino all’ultimo istante/Ti perderò ancora.
    Leggo e rileggo. E’ vero è struggente! Un caro saluto.
    Lorenzo

  3. …e perdo tutte le battaglie
    pur di finire una guerra

    Commuove… un sorriso, Maria, ciao
    aurelia

  4. Cara Maria ma che bella poesia.
    Devi perderlo ancora.
    Oramai è stampata questa perdita per la vita nella
    mente e nel pensiero: devi perderlo ancora, sino..
    a ché lo ritroverai. Quando finirai una guerra. Per sempre. Ciao, Paolo.

  5. Devi perderlo ancora e ancora…dice Paolo e poi lo ritroverai…forse…tinti al suo cuore.

  6. Una poesia molto struggente, che tocca il cuore
    Patrizia

  7. Le anafore danno a questa bellissima poesia una musicalità unica; struggente il contenuto e anche condiviso.
    Sandra

  8. GRAZIE!!!!
    maria

  9. Cara Maria, “Senza fuggire mai da questo dolore” Splendida!
    Grazie
    Graziella

  10. una sensazione di amore e dolore che accompagna la vita fino all’ultimo istante
    grazie
    Giuseppe

  11. One Art (Elizabeth Bishop)

    The art of losing isn’t hard to master;
    so many things seem filled with the intent
    to be lost that their loss is no disaster,

    Lose something every day. Accept the fluster
    of lost door keys, the hour badly spent.
    The art of losing isn’t hard to master.

    Then practice losing farther, losing faster:
    places, and names, and where it was you meant
    to travel. None of these will bring disaster.

    I lost my mother’s watch. And look! my last, or
    next-to-last, of three beloved houses went.
    The art of losing isn’t hard to master.

    I lost two cities, lovely ones. And, vaster,
    some realms I owned, two rivers, a continent.
    I miss them, but it wasn’t a disaster.

    — Even losing you (the joking voice, a gesture
    I love) I shan’t have lied. It’s evident
    the art of losing’s not too hard to master
    though it may look like (Write it!) a disaster.

    Elizabeth Bishop

  12. Una poesia dai versi intensi e toccanti.
    Brava Maria!
    Un caro saluto

    Maristella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: