…La playa de Limon

 
 
Capita
che il cielo s’arroventi
agli strusci dei gabbiani
e ai gridi
come la pelle
ai baci dell’estate.

Capita
che di musiche arcane
risoni il mare
e di richiami
ai ritmi primordiali
della vita.

E capita d’adagiarsi
nel palmeto dei sogni
alla deriva,
sul tuo respiro.

Silvano Conti

Published in: on febbraio 7, 2012 at 07:44  Lascia un commento  

Chisciotteide

 
A voi, di nobil censo,
lo dicon vostre insegne,
io, prode cavaliero
montato su destriero,
final giudizio chiedo
.
Dovrete sentenziare,
con alto aulico dire,
che bella tra le belle,
nell’universo intiero,
primeggia la mia dama.
.
-Tu nobil schiatta vedi
in noi poveri cristi,
e, ohibò, ti siamo grati.
Ma per sputar sentenza
vederla noi vogliamo !-
.
Felloni e anco marrani
mio verbo contestate ?
Che… ? Forse per sapere
che luna in cielo splende
necessita il vederla ?
.
-Non è proprio l’istesso,
larva d’un cavaliero,
la luna godimento
apporta al mondo intiero.
A te soltanto, invero,
dattela la tua amata.
Che almeno un suo ritratto
potessimo ammirare !-
.
Oh di gran puta hijos
la lancia assaggerete !
Carica a pancia bassa
cavallo mio fedele.
Ma non così, poffarre,
la terra mi fai arare !
.
-Addosso a ‘sto buffone
che merita lezione !
Usiamo quelle insegne,
che poi sono bastoni,
puniamo l’arroganza
di chi, prova non dando,
imporci vuol sentenza.-
  .
Ahimè m’hanno conciato,
mio immaginato bene.
Per raddrizzar gl’inganni,
che oscuran la giustizia,
sghembo dovrò ambulare
p’andar dove conviene.
.
Se poi tu vuò lenirmi,
porta al futur’incontro,
immago tua adorata,
che più del mio bel dire
sarà il suo guardamento.
.
E poi, già che qui siamo,
un altro dono chiedo,
 perché questo m’han detto,
battendomi quei prodi.
Non so di che cianciasser,
gridavano… d’un fiore.
Da qualche parte certo
dovrà portar calore.
.
Mio fido Dozzinante,
quanto dolor m’avvolge.
E su, non protestare,
sbagliato ho forse il nome,
ma chiaro è il mio pensare.
.
Un giorno fui  investito
d’una divin missione:
il mondo ripulire
d’ingiuste ipocrisie.
Per realizzar ‘sto sogno
‘sta strada obbligo è il fare.
.
————Così, caracollando,
tra un ahia e un poffarbacco,
condusse la sua vita.————-
.
Miguel, mancino monco,
questo ci ha raccontato,
mostrandoci un inetto
che, sempre ottuso, lotta,
negando questo mondo.
.
Ma Unamuno, il grande,
riscrive altra avventura.
Quei solidi ideali,
ch’eran la sua cultura,
nel Don errante incarna.
.
E chi capir volesse,
le due versioni approcci
per somme, poi, tirare.

Piero Colonna Romano

Amado mio

Amado mio
Love me forever
And let forever begin tonight

Amado mio
When we’re together
I’m in a dream world
Of sweet delight

Many times I’ve whispered
Amado mio
It was just a phrase
That I heard in plays
I was acting a part

But now when I whisper
Amado mio
Can’t you tell I care
By the feeling there
‘Cause it comes from my heart

I want you ever
I love my darling
Wanting to hold you
And hold you tight

Amado mio
Love me forever
And let forever
Begin tonight

Many times I’ve whispered
Amado mio
It was just a phrase
That I heard in plays
I was acting a part

But now when I whisper
Amado mio
Can’t you tell I care
By the feeling there
‘Cause it comes from my heart

I want you ever
I love my darling
Wanting to hold you
And hold you tight

Amado mio
Love me forever
And let forever
Begin tonight
And let forever
Begin tonight
And let forever
Begin tonight

§

Amado mio
Amami per sempre
E lascia che per sempre inizi stasera

Amado mio
Quando siamo insieme
Sono in un mondo di sogni
Di dolce delizia.

Tante volte ho sospirato
Amado mio
Era solo una frase
Che avevo sentito in recite
Nelle quali avevo una parte

Ma ora quando sospiro
Amado mio
Non puoi dire che io lo faccia
In quella stessa maniera
Perchè viene dal mio cuore

Ti voglio sempre
Ti amo amore
Voglio stringerti
E stringerti forte

ALLAN ROBERTS  E  DORIS FISHER

Published in: on febbraio 7, 2012 at 07:28  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , ,

Piangerai. Piangerò.

Ahi! Come passi sera!
Sciogli nell’atmosfera
il sogno. Proverò

un po’ a mimetizzarmi,
a stendere una coltre
sul tempo che va oltre:
che non sa più aspettarmi.

Silvano Conti

Published in: on febbraio 7, 2012 at 07:03  Comments (4)  
Tags: , , , ,

Il merlo

C’è un merlo nel mio giardino, volteggia nell’aria
Vira a destra, poi a sinistra, si abbassa poi all’improvviso
Vola via, scompare e ricompare.
Lo seguo con lo sguardo, va a posarsi sui rami spogli
del tiglio malato.
Non teme il freddo, scava con il suo becco aguzzo
Cerca i vermiciattoli nascosti nella nuda terra,
tra la corteccia sparsa sulle aiuole.
Si appoggia sul davanzale raccoglie
quelle briciole che ho posto per lui,
mi guarda e con un batter d’ali vola via.
Non sono sola, c’è un merlo che mi tiene compagnia.

Gianna Faraon