Sul muro grafito

Sul muro grafito
che adombra i sedili rari
l’arco del cielo appare
finito.

Chi si ricorda più del fuoco ch’arse
impetuoso
nelle vene del mondo; in un riposo
freddo le forme, opache, sono sparse.

Rivedrò domani le banchine
e la muraglia, e l’usata strada.
Nel futuro che s’apre le mattine
sono ancorate come barche in rada.

EUGENIO MONTALE

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/02/11/sul-muro-grafito/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Un futuro quieto su realtà immobili. Già dimenticato il fuoco che arse nelle vene del mondo.

  2. e chi se ne ricorda,mannaggia!tinti

  3. Concordo con Lorenzo, bisogna riaccendere il fuoco…prima che sia troppo tardi.
    Roberta

  4. Un fuoco che non bisogna lasciar spegnere
    Patrizia

  5. stupende immagini specialmente nell’ultima strofa…
    da imparare subito a memoria e scioglierla nella bocca
    Giuseppe


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: