Strada maestra

Morire, per rinascere:
il silenzio degli alberi,
è l’autunno senza foglie.

Mano nella mano,
scolari e pali,
accompagnano,
predestinati, la via.

Ma perché
continui a ridere,
a gridare?
Quando,
quando crescerai?

Certo, di là,
ci sarà più spazio
per essere grande.
Certo, ritroverò
la sincera luce azzurra
e l’immane quiete
di rami contorti e protesi
a trafiggere il cielo,
per perpetuare il rito del tatto.

La mia vivida lingua sarà muta
solo quando avrà perso le radici,
e l’ anima orfana
solo quando mi avrà mangiato.

Proseguo imperterrito, intanto,
il mio cammino d’alunno di vita.

Flavio Zago

Published in: on febbraio 18, 2012 at 07:18  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/02/18/strada-maestra/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. E’ meglio, carissimo Flavio, che tu ” prosegua imperterrito, intanto,/il tuo cammino d’alunno di vita.” Non è detto che tu debba rinascere, tuttavia è un’ipotesi. Infine l’anima orfana (del corpo?) non
    mangia nessuno. Per questa incombenza ci pensano i vermi, o il fuoco.
    Cari saluti, Paolo.

  2. “Proseguo imperterrito, intanto,
    il mio cammino d’alunno di vita.” un po lo siamo tutti alunni di vita, bella la poesia, Rosy

  3. Grazie alunno di vita ,prosegui con noi…bella ,bella.Tinti

  4. per sempre alunni della vita…quelli come noi…ciao Flavio.
    maria


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: