Estate

Bambino
il pomeriggio d’estate
s’andava a riposare
solo il tempo
per uno sguardo
al campo dietro casa
e mi faceva paura
e mai avrei voluto
trovarmi lì
nel calore soffocante
in cui pareva
nessuno potesse esistere.
Dietro i vetri
il ronzio delle cicale
mi trascinava fuori
col pensiero,
dove tutte loro
in una moltitudine informe
cantavano per sé
cercando di spiccare
sulle altre,
senza sapere che
sarebbe arrivato l’inverno
a cancellare i loro
inutili sforzi.

Gian Luca Sechi

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/02/24/anni-insieme-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. …a cancellare i loro sforzi inutili….fa pensare,caro amico.Tinti

  2. Un ritratto particolare dell’estate, con immagini belle legati ai ricordi d’infanzia. Trovo anche io particolare la chiusa, induce proprio a riflettere. Molto apprezzata
    Patrizia

  3. estate… inverno… quando le stagioni erano nella loro pienezza, e se ne coglieva il senso.
    saggezze popolari sempre da apprezzare.
    dimensioni in cui ti sentivi protetto, ma vedevi fuori
    molto bella! azzurrabianca


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: