Parole

“Ti perderò come si perde un giorno
chiaro di festa :-io lo dicevo all’ombra
ch’eri nel vano della stanza – attesa,
la mia memoria ti cercò negli anni
floridi un nome, una sembianza: pure,
dileguerai, e sarà sempre oblio
di noi nel mondo”
Tu guardavi il giorno
svanito nel crepuscolo, parlavo
della pace infinita che sui fiumi
stende la sera alla campagna.

ALFONSO GATTO

Annunci

Umanità

Umanità sofferente
che piangi
che ridi
che vivi
urlando, tacendo
nel dolore, fiore
divino sbocciato
nel buio della vita.

Umanità baluginante
che passi
scappando, gemendo
col tempo impassibile
invano lottando.

Umanità indigente
di pace desiderosa
ansiosa d’amore
che nella rete t’avviluppi
della tristezza
lontano dal Cielo,
ove brilla il sole,
prostrata in terra,
ove cresce quel fiore.

Umanità languente,
conosci un solo
fiore, spento,
che profuma di pianto.

Nino Silenzi

Published in: on marzo 2, 2012 at 07:08  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

La ragazza con la rosa tra le mani

nessuna spina poteva ancora ledere
la sua pelle “trattata” male..
Assorta e deliziata
teneva con garbo quel fiore inodore
quasi come fosse l’ultimo dono
di Colei, la volle ancora forte
e coraggiosa, paladina di trionfi
vestale di trofei inaspettati …

Beatrice Zanini

Published in: on marzo 2, 2012 at 07:03  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Un’idea

“Un’idea che non trova posto a sedere è capace di fare la rivoluzione”

LEO LONGANESI

Published in: on marzo 2, 2012 at 06:58  Comments (2)  
Tags: , ,

Il cuore del Poeta

ha battiti che migrano in molti cuori.

lasciano, andando, uno stupore di intima
comprensione –
il sapore nostalgico di una parola amica
sul germogliar di labbra.

Anileda Xeka

Published in: on marzo 2, 2012 at 06:57  Comments (7)  
Tags: , , , , , , ,

Tra i filari

 
Nell’arco del battito lesto
della tacita notte
si stende il filtro quieto della pace.
E’ tregua effimera nei campi in fiore.
Al cospetto della luna
si snatura il rosso dei papaveri.
Geme il cuore nostalgia arcaica,
si abbevera alle classiche scritture
e anche il dolore si cosparge
di coriandoli allegri e profumati.
Breve, impercettibile il respiro del creato.
Gioca impavida la sorte con la vita
tra i filari su in collina.
Anche l’ombra ha la sua luce.

Roberta Bagnoli