Mi ascolto

É a notte della non deriva
quando friggono – i silenzi –
quando mutano – le stelle –
che io mi ascolto…

Voce, allora, arriva chiara.
Contro muro si fa palla,
fino ai bordi l’aria colma,
del respiro m’assicura.

E mi ascolto dentro l’ora
di felicità aggiustata
e non fiato, non rispondo
se non per dirmi ciao.

Aurelio Zucchi

Published in: on marzo 9, 2012 at 07:27  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/03/09/mi-ascolto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Mio caro amico ,la chiusa mi porta un afflato di vento buono…tinti

  2. ascoltarsi e capirsi a volte è difficile, ma quando ci si riesce quel ciao diventa momento di gioia
    Bella
    Patrizia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: