Le ortensie

Sembravano tuonare, le ortensie, nel giardino
quando nascosti bene per gioco là amavamo
fare come gli uccelli che s’alzano, improvvisi
per correre alla tana da tutti noi decisa:
la bocca di una vecchia fontana.
Era settembre
il fresco delle sei della sera ci incontrava
come le madri uscite dagli stabilimenti,
pronte a dettare burro e due cose per bottega.
Un’ora solamente e poi casa, era settembre
il rischio grande d’esser felici a poche cose:
i fuochi per il santo, le bancarelle e i dolci.
Il rivolo che s’era formato il nostro fiume
la meliga e le vecchie robinie un po’ Salgari.
E poi i saluti dalle ringhiere
giù in cortile, le bici incatenate, i gatti rossi usciti
a fare scorta d’ultime luci
e poi la notte.

Massimo Botturi

Quando sarò ricordo

Quando sarò ricordo
non avrai di me nemmeno il volto
ti rimarranno parole
di polvere lieve e di silenzio
sparirò dalle tue mani
come una sigaretta in più
che si fa lenta spirale di fumo
Non potrai più vedermi
né bere ancora il mio sorriso
e sarà perso in quelle dita
per sempre il mio calore
come in una tazza vuota
del tuo caffè americano
Quando sarò ricordo
ti resterà il barlume freddo
di un’alba senza voli
e dentro quella voce strana
di qualcuno che ti amava
e ancora non sai come
e ancora non sai quanto
Udrai chiamare un nome
perdersi lontano e fioco nell’invocare
invano il lume di un tuo sguardo
e forse potrai sentire le mie labbra mute
baciarlo ad occhi chiusi e spenti
anche quel tuo ultimo rifiuto

Fabio Sangiorgio

Il Quarto Stato

GIUSEPPE PELLIZZA DA VOLPEDO – 1901

Published in: on marzo 11, 2012 at 07:30  Comments (5)  
Tags:

La luna

Hay tanta soledad en ese oro.

La luna de las noches no es la luna

Que vio el primer Adán. Los largos siglos

De la vigilia humana la han colmado

De antiguo llanto. Mirala. Es tu espejo.

 

§

C’è tanta solitudine in quell’oro.
La luna delle notti non è la luna
che vide il primo Adamo. I lunghi secoli
della veglia umana l’hanno colmata
di antico pianto. Guardala. E’ il tuo specchio.

JORGE LUIS BORGES

Published in: on marzo 11, 2012 at 07:21  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , ,

Il buon raccolto

 
Voglio vivere pienamente
il tempo che ho a disposizione
e voglio farlo con il canto sulle labbra,
non importa se il grano non maturerà in fretta
avrò la forza dell’attesa e la pazienza necessaria
per vederlo alto e biondo come il fanciullo
che cresce rigoglioso.
Aspetterò in silenzio
che sorga il sole
e non sarà sole spento
ma sarà bianco come il giglio,
lo supplicherò di carezzare piano il campo,
che non bruci neanche un solo chicco.
Aspetterò con fede il nuovo raccolto
e sarà  buona messe se il cuore
avrà attecchito il seme della pace.
S’inebrierà la terra di sospirata quiete.

Roberta Bagnoli

Vertigini

Lontano
da ogni tentazione
dentro
tutte le tentazioni
fuggo
spavaldo e accecato
da sole cocente

Fuggo
dentro pareti
di ghiaccio
che mi bloccano

Di paura
urlo
la mia innocenza
che mi trascina
che non mi vuole

Gavino Puggioni

Published in: on marzo 11, 2012 at 07:06  Comments (5)  
Tags: , , , , ,