L’uomo

Le piante, da quelle di seta fino alle più arruffate
gli animali, da quelli a pelo fino a quelli a scaglie
le case, dalle tende di crine fino al cemento armato
le macchine, dagli aeroplani al rasoio elettrico

e poi gli oceani e poi l’acqua nel bicchiere
e poi le stelle
e poi il sonno delle montagne
e poi dappertutto mescolato a tutto l’uomo

ossia il sudore della fronte
ossia la luce nei libri
ossia la verità e la menzogna
ossia l’amico e il nemico
ossia la nostalgia la gioia il dolore

sono passato attraverso la folla
insieme alla folla che passa.

NAZIM HIKMET

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/03/12/luomo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. …mescolato a tutto l’uomo…grande!tinti

  2. L’uomo visto come l’essenza di tutte le cose

    Mi piace la chiusa
    “sono passato attraverso la folla
    insieme alla folla che passa.”

    Una poesia eccelsa.
    Giuseppe

  3. condivido il commento di Giuseppe, la chiusa è magistrale… poesia stupenda, mi commuove
    aurelia

  4. Grande poesia
    Patrizia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: