Parvenze

Sgocciola
un pianto antico
di settembre
gambe doppio nodo
e il sale sparso
a rito di scongiuro

e raspa nella gola
il ritornarmi vivo
frangia di suono
calpestato invano.

Venti petali
divenire pietra
e un silenzio sposo
e compromesso
di morta stagione.

Sgocciola
venti passi avanti
l’onta stesa
alla penombra, e il nodo

un fiocco che non è. 

Beatrice Zanini

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2012/03/14/parvenze/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Il nodo non è un fiocco. Insufficiènte fare scongiuri.

  2. Grande ragazza ,ci manchi sempre di più.tinti

  3. Tanta indicibile amarezza
    “Venti petali
    divenire pietra
    e un silenzio sposo
    e compromesso
    di morta stagione.”

    Giuseppe

  4. Quanta amarezza, ma anche quanta verità
    Patrizia

  5. soprattutto la parte centrale mi ha colpita. ma è tuitta da meditare.
    azzurrabianca


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: